Serie A a 16, squadre Primavera in Lega Pro e nuovi stadi. Nel calcio i progetti restano chiacchiere all?infinito

di finconsadmin

(repubblica.it – F.Bocca) Il presidente del Napoli ha proposto, con grande risalto su tutti i giornali, la serie A a 16 squadre, le formazioni Primavera nel campionato di Lega Pro, e ovviamente nuovi stadi. Non credo ci sia nulla da eccepire, mi sembrano proposte di buon senso, anche di immediata comprensione, le cui ragioni non sto qui a rispiegare: le spiegazioni logiche non interessano a nessuno, sono quelle politiche e di interesse particolare che raccolgono maggior attenzione. Sono talmente logiche che se ne parla da almeno quindici anni, senza aver fatto nulla, anche solamente aperto a una sola di queste innovazioni o riforme, chiamatele come volete .

 

 

La serie A a 16 squadre (ma anche il semplice ritorno a 18 andrebbe benissimo) non ? possibile perch? quale club si autocondannerebbe alla serie B, con meno interesse, meno contributi, meno sponsor, meno tv, meno sponsor? Nessuno. Le formazioni Primavera, o le cosiddette seconde squadre in Lega Pro o in serie B, non si possono fare altrimenti i club di provincia che gi? sono schiacciati dallo strapotere mediatico ed economico della serie A vedrebbero ulteriormente ridotto il loro spazio. Gli stadi non si fanno perch? stanno tutti l? ad aspettare una fantomatica legge sugli stadi, dalla quale sperano di lucrare qualche vantaggio, poter speculare sulla cementificazione e magari strappare qualche contributo anche sotto forma di detassazione.

 

 

La crisi economica non ha smosso il calcio verso il cambiamento e l?innovazione, come si cerca di fare del resto ? per altro senza riuscirvi?-? anche nel resto del paese. Ha ulteriormente bloccato tutto, resa ancora pi? ferrea quella catena di no e di veti che sostanzialmente blocca tutto. Il calcio avrebbe bisogno di un passo indietro di tutti i protagonisti per cercare di rinnovarsi ed essere anche pi? competitivo a livello nazionale. In Italia ci sono 20 squadre in serie A e 22 addirittura in B per il famoso caso Catania di dieci anni fa che sollev? praticamente una rivoluzione, e le cui conseguenze non sono mai state risolte.? La voce grossa di un presidente porta sempre dietro sindaci e amministratori locali, in un intreccio di piccoli poteri completamente indistricabile. La legge sugli stadi ? infossata da anni nelle commissioni ed ? destinata probabilmente a rimanere una proposta all?infinito.

Nel calcio i progetti restano chiacchiere all?infinito. Dire ci vorrebbe questo, ci vorrebbe quello ? molto facile. Praticamente inutile.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy