Stek si riposa, bene Florenzi

di Redazione, @forzaroma

(Il Romanista – C.Zucchelli) – Novanta minuti in campo, novanta minuti da spettatore non pagante. E per la Roma è una buona notizia. L’Olanda di Maarten Stekelenburg vince a Rotterdam 3-0 contro Andorra e il portiere romanista praticamente non si sporca neanche i guanti in una partita che la formazione di van Gaal domina dal primo all’ultimo minuto. Gli Orange passano in vantaggio al 7’ con van Der Vaart, poi Huntelaar e Schaken mettono il risultato in cassaforte. Dall’Olanda alla Bosnia: la nazionale di Pjanic non va oltre lo 0-0 in Grecia e, come previsto, il centrocampista giallorosso, non ancora al meglio, resta in panchina per tutto l’incontro. Probabile per lui almeno uno spezzone di gara la settimana prossima contro la Lituania, con la speranza che i minuti che giocherà possano essergli utili per ritrovare ritmo e condizione. Chi invece in panchina non ci resta e, anzi, passa da centrale a esterno con una disinvoltura disarmante è Alessandro Florenzi. Uno dei protagonisti di questo inizio di stagione batte con l’Under 21 1-0 la Svezia nell’andata dei playoff per la qualificazione all’Europeo 2013. Gli Azzurrini di Mangia si aggiudicano la prima partita con un gol di Immobile ma all’Adriatico di Pescara, non esaurito vista anche e soprattutto l’assenza di Verratti, il risultato sarebbe potuto essere anche più rotondo se Insigne, lo stesso Florenzi e De Luca non avessero sbagliato troppo davanti al portiere.

 

Per il centrocampista giallorosso, maglia numero 8 sulle spalle, una prestazione comunque molto buona, l’ennesimo segnale di continuità e maturità e l’ennesimo messaggio a quella nazionale maggiore che, se continuerà così, presto lo chiamerà. La partita di Florenzi entra subito nel vivo: è sua la prima azione dopo soli 2’ con un inserimento dalla sinistra che però non si conclude nel migliore dei modi, poi il romanista è il solito moto perpetuo e uno dei primi ad abbracciare dopo il gol Immobile, che porta in vantaggio gli Azzurrini con un tocco ravvicinato dopo la respinta del portiere svedese su una pericolosa punizione di Insigne. Alla mezzora Alessandro cerca, e per poco non trova, la gloria personale con un’azione solitaria: il centrocampista parte dalla propria metà campo e lascia partire un destro potente da fuori area che costringe il portiere alla respinta a terra. Il pallone di entrare in porta non ne vuole sapere, l’ex romanista Frascatore mette tanti palloni in mezzo ma né Insigne né Immobile riescono a finalizzare e non ci riesce, al 23’ della ripresa, neanche Florenzi che calcia da 25 metri ma imprime poca forza al pallone e per Johnsson non ci sono problemi. A 10’ dalla fine Mangia lo toglie (esausto) e al suo posto mette Viviani, ma, nonostante le forze fresce, il 2-0 non arriva e la partita termina così. Martedì nel ritorno in Svezia ci sarà da soffrire. E chissà che in campo non ci sia anche Simon Thern, ieri in panchina: 20 anni, è il figlio di Jonas, che ha indossato la maglia della Roma dal 1994 al 1997.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy