Primavera: Insigne jr. non perdona, Roma ko

di Redazione, @forzaroma

(Il Romanista – V.Meta) Comincia in salita il campionato della Roma, che sul campo del Napoli incappa in una sconfitta inattesa quanto netta contro una squadra dai meccanismi più rodati e trascinata dal talento del fratello d’arte Roberto Insigne, autore di una doppietta. L’indedita Roma di De Rossi torna a casa con uno 0-3 e non senza qualche rimpianto per aver mancato a metà ripresa l’occasione che avrebbe riaperto la partita. Il tecnico rinuncia al 4-2-3-1 in favore del tridente con Ferrante punta centrale, Frediani e il romeno Bumba sugli esterni. Ben cinque i volti nuovi in campo dal primo minuto, di cui tre solo nel reparto difensivo: oltre a Svedkauskas fra i pali, fanno il loro debutto in maglia giallorossa anche i due laterali Somma e Yamnaine.

 

A centrocampo c’è il brasiliano Lucca a fare il vertice basso con Cittadino e Matteo Ricci intermedi.  La Roma parte bene provando a sfruttare gli spunti in velocità di Bumba e Frediani, anche se la prima occasione pericolosa capita a Novothny sugli sviluppi di un calcio d’angolo. Al quarto d’ora proteste romaniste per un mani in area del Napoli non rilevato dall’arbitro, sul capovolgimento di fronte la conclusione di Palma non impensierisce Svedkauskas. Al 26’ Fornito va a battere una punizione respinta con un braccio dalla difesa della Roma, stavolta l’arbitro concede il rigore e Insigne dal dischetto non sbaglia.

 

La reazione dei giallorossi è immediata con Ferrante, la cui conclusione finisce di poco a lato, ma è il Napoli a trovare la rete dopo meno di dieci minuti ancora con Insigne, che riceve da Novothny, salta due avversari e la mette nell’angolino da fuori area. Prima dell’intervallo è decisivo Svedkauskas, che alza sopra la traversa un tiro di Fornito. Nella ripresa De Rossi cambia due terzi dell’attacco inserendo Ferri e Minicucci per Bumba e Frediani, ma l’occasione per accorciare le distanze capita a Lucca, palla fuori di un soffio. L’assedio romanista non riesce a sfondare e nel recupero arriva la beffa del 3-0 con Novothny, su assist del solito Insigne. «Il risultato non è veritiero, in realtà siamo stati in partita – il commento di De Rossi -. In questo momento ci manca ancora affiatamento».

 

NAPOLI-ROMA 3-0
NAPOLI (4-3-3): Crispino; Guardiglio, Celiento, Savarise, Nicolao; Palmiero (44’st La Torre), Palma (22’st Romano), Fornito; Insigne, Novothny, Tutino (47’st Cretella). A disp. Contini, Mileto, Supino, Gaetano, Del Bono, Barone. All. Sormani

ROMA (4-3-3): Svedkauskas; Somma, Carboni, Rosato, Yamnaine; Cittadino (25’st Pagliarini), Lucca, M. Ricci; Bumba (10’st Ferri), Ferrante, Frediani (15’st Minicucci). A disp. Zonfrilli, Nanni, Calabresi, Catania, Mazzitelli, F. Ricci, Terriaca. All. De Rossi

ARBITRO:Cifelli di Campobasso

MARCATORI: 27’pt rig. Insigne, 38’pt Insigne, 50’st Novothny

NOTE: ammoniti Lucca, Rosato, Novothny, Palmiero, Tutino

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy