Pjanic non si tocca, Stek forse

di Redazione, @forzaroma

(Il Romanista – V.Vercillo) L’asse Roma-Inghilterra continua ad essere caldissimo. Terminata la telenovela legata a Daniele De Rossi e al Manchester City, ora è il Tottenham il club che sembra più vicino ai giallorossi per gli ultimi giorni di mercato.

 

Non per Miralem Pjanic, che secondo voci circolate nella mattinata di ieri sarebbe stato vicinissimo al trasferimento. Villas Boas lo vorrebbe tra le proprie fila per dare maggiore fluidità al centrocampo del club inglese, ma a Trigoria non hanno mai pensato di cederlo. E infatti diceva qualcuno: togliere Pjanic alla Roma sarebbe come togliere Pirlo alla Juventus. Uno degli ultimi arrivati, ma già fondamentale.  Concetto confermato anche da Michele Gerbino, consulente per l’Italia di Micheal Becker, agente del bosniaco: «Sì, è vero. Il Tottenham si è mosso per lui ma sia la Roma sia l’entourage di Pjanic ha gentilmente ringraziato e declinato l’offerta. Questo non è il momento di muoversi e di prendere in considerazione altre offerte. Il ragazzo ha sposato un progetto e vuole prima di tutto fare bene alla Roma».  Dopo un anno il bilancio del bosniaco è «molto positivo, si è adattato molto facilmente e lo si vede anche dal fatto che ha imparato in fretta l’italiano. Si trova benissimo a Roma e ha preso le misure del calcio italiano».

 

Ma per un giocatore incedibile ce ne è un altro il cui futuro è in bilico. Maarten Stekelenburg non è ufficialmente sul mercato, ma «se la Roma dovesse prendere un nuovo portiere sarebbe il caso che ce lo dicesse, perché ovviamente a quel punto Maarten andrebbe via». Parola dell’agente del portiere olandese, Robert Jansen. Ed è proprio questo il punto.

 

L’interesse per Mauro Goicoechea, uruguaiano (ma col passaporto spagnolo, quindi comunitario) portiere del Danubio. Ventiquattrenne considerato davvero promettente in Sudamerica, ha stregato Zeman, che lo piazzerebbe come titolare tra i pali davanti a Lobont.  E se per Stekelenburg arrivasse una buona offerta dal Tottenham, che non ha ancora preso Julio Cesar e ha fatto più che un semplice sondaggio, l’idea potrebbe concretizzarsi. Sabatini sta pensando di acquistare proprio l’estremo difensore prediletto dal boemo.

 

E non solo: nella trattativa potrebbe rientrare anche Marco Borriello, ormai fuori dai piani giallorossi e al centro dell’interesse del Tottenham, che da tempo ha chiesto informazioni.  Per essere chiari: Zeman non è scontento di Stekelenburg, che nelle scorse settimane ha definito «un ottimo portiere».

 

Ma si aspetta che, se dovesse restare, torni ad essere quello di un paio di anni fa. Si aspetta che riacquisti quella sicurezza che gli ha garantito il titolo di vice-campione del Mondo. E poi si sa, le occasioni di mercato possono rimettere in discussione tutto.  Capitolo Marquinhos. Da ieri il difensore brasiliano è ufficialmente un giocatore della Roma «fino al 30 giugno 2013, a fronte del riconoscimento di  1,5 milioni», come si legge sul comunicato della società. L’accordo prevede «un’opzione per il trasferimento a titolo definitivo, all’ottava presenza del calciatore in gare ufficiali della prima squadra, disputate per un minimo di 45 minuti ciascuna, per un valore pari a milioni alla Roma».

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy