Lui e Rivera i centrocampisti azzurri pi? prolifici

di finconsadmin

(Il Romanista – F.Bovaio) -?Con il gol dell?altra sera al Brasile De Rossi ? entrato definitivamente nella storia di questa sfida mitica tra l?Italia?e la rappresentativa sudamericana e ha rafforzato la sua posizione in quella della nostra nazionale, con la maglia della quale ha ora all?attivo?84 presenze e 14 gol. Tantissimi per un centrocampista di ruolo come lui, che?con quello ai verdeoro ha raggiunto Rivera nella classifica dei marcatori all time della nazionale italiana. Mica uno qualsiasi.

E se pensiamo che davanti hanno solo attaccanti o quasi (se cos? vogliamo considerare Sandro Mazzola) dobbiamo anche affermare che De Rossi, insieme a Rivera, ? il centrocampista pi? prolifico di sempre in zona gol della storia azzurra. E pensare che in questa stagione?con la Roma non ha ancora segnato, mentre con l?Italia di Prandelli ? gi? arrivato a 5 gol totali, divenendo il terzo miglior marcatore azzurro con questo Ct in panchina dopo Cassano (fermatosi a 7 reti) e Balotelli (salito a 6 proprio contro il Brasile). Numeri importantissimi per un veterano della nazionale come De Rossi, che ? anche il romanista con pi? presenze e gol in azzurro di ogni tempo. Una bella soddisfazione per lui e per tutti noi, che gli abbiamo sempre voluto bene, figlio com?? della nostra citt? e della squadra che ne porta fieramente il nome. La stessa che nel corso della sua lunga storia ha avuto ben trentuno marcatori in nazionale, intendo per tali i giocatori che hanno segnato con l?Italia mentre stavano vestendo la maglia giallorossa.

Il primo romanista a far gol in azzurro, poi, ? stato un grandissimo protagonista del nostro calcio, Fulvio Bernardini, del quale De Rossi ? uno dei migliori eredi in giallorosso e con la stessa Italia. Il mitico ?Fuffo?, guida insieme a Ferraris IV della Roma di Testaccio, da giallorosso segn? il suo primo e unico gol con l?Italia il 4 giugno 1928 nella partita vinta 7-1 contro la Spagna e valida come quarto di finale dei Giochi Olimpici che in quell?anno si disputarono in Olanda. La rete di Bernardini fu quella del momentaneo 4-0 e venne da tutti magnificata come bellissima. Dopo di lui ci sono stati altri trenta marcatori romanisti in nazionale, a cominciare dal ?corsaro nero? Guaita, argentino di nascita, ma italianizzato per motivi di discendenza e per questo considerato oriundo. In azzurro segn? 5 reti, tra le quali anche quelle che contribuirono a farci vincere il primo Mondiale della nostra storia, disputato proprio nel nostro Paese nel 1934.
Come Guaita altri quattro romanisti hanno segnato 5 gol in nazionale: Costantino, Barison, Pandolfini e Bruno Conti,?dei quali, tra tutti, ci piace ricordare la rete contro il Peru nei Mondiali di Spagna ?82, poi vinti anche grazie alle sue grandi prestazioni, che lo fecero ribattezzare ?Marazico? (crasi dei cognomi dei giocatori considerati allora pi? forti di tutti, Maradona e Zico) e indicare da Pel? come il calciatore pi? forte dell?intero torneo. Meglio di loro, in nazionale, hanno fatto solo Giannini (fermatosi a 6 reti), Totti (9 gol) e appunto De Rossi, ora salito a quota 14. Con 4 reti a testa troviamo il terzetto composto da Delvecchio, Galli e Orlando; con 3 ciascuno Cassano, Montella, Osvaldo e Panucci (che ? il difensore giallorosso pi? prolifico di sempre in nazionale); con 2 a testa Aquilani, Lojacono (un altro oriundo) e Rizzitelli; con 1 Ancelotti, Angelillo, il succitato Bernardini, Da Costa, Di Biagio, Di Francesco, Ghiggia, Menichelli, Perrotta, Rocca, Tommasi, Venturi e Destro, che ovviamente pu? ancora migliorare il suo score

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy