Borriello, addio sempre più vicino

di Redazione, @forzaroma

(Il Romanista – B.Devecchi) Marco Borriello via dalla Roma, potremmo esserci. L’attaccante napoletano, che ieri è tornato ad allenarsi col gruppo dopo che era stato escluso dalla tournée americana e dal ritiro di Irdning, sembra essere a un passo dall’addio. Lui sa perfettamente di non rientrare nei piani dell’allenatore e della società, la Roma e il suo procuratore lavorano senza sosta per trovargli una squadra consapevoli che non è facile, vista la moria di gol fatti negli ultimi anni e visto l’ingaggio faraonico che percepisce. Finora poco o nulla si è mosso.

 

Ma adesso qualcosa è cambiato. L’interesse del Tottenham è reale e Borriello è pronto ad ascoltare l’offerta. Ma in Premier ci sono almeno altri due club che hanno effettuato un sondaggio, mentre in Italia si parla di Fiorentina e di un difficile ritorno al Milan. (…) Da un nome in uscita a uno in entrata. O forse due.

 

Per il posto di terzo (o quarto, considerando quanto Zeman tiene in considerazione Romagnoli) centrale la corsa è a due tra Marquinhos e Uvini. Sabatini li prenderebbe entrambi, convinto della forza di tutti e due e convinto che con loro la difesa della Roma potrebbe sistemarsi per i prossimi anni, ma bisogna ancora stabilire il costo di entrambi (uno potrebbe arrivare in prestito, un altro a titolo definitivo) e bisogna ancora stabilire se siano effettivamente pronti per il campionato italiano. Diciotto anni Marquinhos, 21 Uvini, vengono considerati tra i migliori talenti del Brasile ma la giovane età, considerando anche che Romagnoli non è ancora maggiorenne, non può e non deve essere sottovalutato. Ecco che allora uno dei due – Uvini, probabilmente – potebbe andare a fare esperienza da qualche parte. Sabatini ne ha parlato con Sensibile, mandarlo in prestito o comproprietà a Genova con un giocatore esperto come contropartita (Gastaldello) potrebbe essere la giusta soluzione per tutti. Entro questa settimana si prenderà una decisione, perché l’idea del ds romanista è quella di consegnare il difensore a Zeman prima dell’inizio del campionato senza aspettare gli ultimi giorni di mercato. Quelli serviranno per vedere se si presenta qualche occasione e serviranno, magari, anche per dire qualche noAl City per De Rossi, forse. E non serve neanche spiegare perché. O a qualche club che vorrebbe Dani Osvaldo. L’attaccante è in Argentina per motivi personali, venerdì è previsto il suo rientro. Lui non vuole andare via, la Roma non vuole cederlo perché Zeman lo considera importantissimo. Al momento non si muove. Se però qualcuno dovesse bussare a Trigoria i dirigenti comunque ascolterebbero. E non è detto che una telefonata non arrivi, magari da qualche club italiano del Nord

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy