Spalletti alle prese con l’iceberg giallorosso: “I valori veri della squadra li conosco solo io”

Il tecnico fa sempre un riferimento al bene della sua rosa, che vede minacciato: “Ci sono dati che non conoscete o non vi interessano, ma che danno un’impronta sul rendimento: i raddoppi di marcatura, ad esempio”

di Redazione, @forzaroma

La Roma, per Luciano Spalletti, è un iceberg: tutti vedono gol, assist e giocate (soprattutto di Totti) e nessuno guarda sotto il pelo dell’acqua. Nessuno tranne lui, naturalmente. C’è sempre un riferimento al bene della squadra, che il tecnico vede minacciato, scrive Luca Valdiserri su “Il Corriere della Sera“. «Ci sono dati che non conoscete o non vi interessano, ma che danno un’impronta sul rendimento della squadra: i raddoppi di marcatura, la copertura delle linee di passaggio, l’andare oltre la linea della difesa. Sono numeri che non vedo sui giornali. Con l’Astra Giurgiu, per esempio, Iturbe ha preso una punizione importante in occasione del gol di Fazio e non viene mai menzionato da nessuna parte… Non viene dato valore agli altri per le stesse situazioni che sviluppano. Lo dico per la solidità mentale della squadra. Se poi Francesco fa più gol e più giocate, io sono contento e lo tengo presente».

Formazione top secret. Spalletti continuerà senza Dzeko, tornando al «falso nueve»? E Totti partirà dalla panchina perché fa pochi contrasti? Possibile. Di sicuro la punizione laterale conquistata da Iturbe contro i romeni è stata sottovalutata. Così come i tre gol in tre stagioni dell’attaccante.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy