Roma, i gol che non ti aspetti: il miglior attacco è la difesa

Roma, i gol che non ti aspetti: il miglior attacco è la difesa

Kolarov e Fazio hanno segnato più di Dzeko e Schick: 13 a 11

di Redazione, @forzaroma

Il pensiero di Claudio Ranieri al proposito è chiarissimo: se dietro non prendiamo gol, con tutta la qualità che abbiamo in avanti prima o poi uno lo facciamo di sicuro. Nelle ultime quattro giornate di campionato i giallorossi hanno subito soltanto una rete, quella di Perisic nell’1-1 di San Siro contro l’Inter. Un chiarissimo cambio di tendenza, visto che, con Di Francesco in panchina, la Roma aveva mantenuto la sua porta inviolata soltanto in 8 occasioni su 32 partite di campionato, Coppa Italia e Champions League.

I difensori, insomma, per prima cosa devono pensare a difendere. Se sanno anche fare gol, però, non prenderanno di sicuro una multa. Saltano ancora più all’occhio, così, gli 8 gol segnati da Aleksandar Kolarov e i 5 di Federico Fazio, veri e propri bomber inaspettati e utilissimi. Per tutti e due si tratta del record in carriera. Quella di Kolarov è una vera e propria impresa. L’ultimo difensore straniero che aveva segnato così tanto in serie A era stato Mihajlovic nella stagione 1998-1999 con la maglia della Lazio. A Kolarov restano 4 partite per fare meglio di Sinisa, che è stato un suo modello come calciatore e suo allenatore nella Serbia.

Se i difensori sorridono non si può dire lo stesso degli attaccanti. Edin Dzeko, scrive Valdiserri su Il Corriere della Sera, continua la sua stagione negativa: si batte per la squadra ma si divora gol molto facili. Contro il Cagliari, una volta messo al sicuro il risultato, i suoi compagni hanno cercato in tutti i modi di farlo segnare ma non ci sono riusciti. Otto erano stati i gol nella prima e difficile stagione del centravanti bosniaco nella Capitale, poi erano arrivati due campionati da 29 e 16 centri. Ancora peggiore la situazione di Patrik Schick, che non ha giocato neppure un minuto né contro l’Inter né contro il Cagliari, anche se sabato erano squalificati sia Cristante che Zaniolo. Ranieri, però, ha preferito Pastore nel ruolo di trequartista e il Flaco ha segnatoegiocato molto bene. Schick sembra sempre più lontano dalla Roma. Ranieri, alla vigilia delle partite parla sempre bene di Schick, ma poi fa altre scelte. E il rapporto scricchiola.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy