Roma, Fonseca suona l’allarme: “Troppe partite, così è disumano”

L’infortunio a Veretout scatena il tecnico. Smalling e Pedro dall’inizio con il Genoa

di Redazione, @forzaroma

Bisognerebbe giocare di meno. Tutte le squadre hanno il problema degli infortuni, anche le più grandi come Liverpool, Real Madrid o Bayern Monaco, che proprio qui all’Olimpico, contro la Lazio, si è presentato con 9 assenti. Lo avevo fatto presente al meeting UEFA degli allenatori. Ora lo dicono in tanti, anche in Italia tante squadre hanno lo stesso problema. Per me le partite sono troppe. L’unica cosa che possiamo fare è avere meno partite e meno competizioni, anche meno partite delle Nazionali. Fisicamente non è giusto sottoporre i giocatori a certi sforzi. Non è umano“. Il j’accuse di Paulo Fonseca arriva prima di Roma-Genoa, scrive Luca Valdiserri sul Corriere della Sera, ma è un tema che il tecnico portoghese aveva già portato alla luce.

Il più recente tributo alle troppe partite la Roma lo ha pagato con il lungo infortunio di Veretout. I giallorossi dovranno fare a meno del centrocampista francese, uno dei più in forma di tutta la rosa, per almeno 30 giorni: “Per sostituire Veretout abbiamo diverse soluzioni: Villar può giocare in quel ruolo, oppure Pellegrini o Mkhitaryan. Di volta in volta farò la scelta che penso sia migliore per la squadra“.

Il turnover sarà per forza di cose limitato, ma Fonseca ha recuperato Smalling (al posto dello squalificato Kumbulla) e ha annunciato che anche Pedro sarà titolare.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy