Ranieri e la missione (quasi) impossibile. Resuscitare la Roma in quarantotto ore

Il tecnico recupera Pellegrini e Under per la sfida di domani contro la Fiorentina

di Redazione, @forzaroma

Claudio Ranieri si chiede come si esce dalla crisi, ma per il momento è lontanissimo da una soluzione. “Non sono pentito di aver accettato la Roma – ha spiegato – e non mi dimetto. Io sulla barca ci sono salito da poco, ma mi ci sento dentro e perciò farò di tutto per portarla in porto”.

Le prime tre uscite sulla panchina giallorossa hanno messo in evidenza alcune gravissime carenze: la Roma non corre e non difende. Con 7 gol subiti in tre match, scrive Piacentini su Il Corriere della Sera, è in piena media Di Francesco. Contro la Fiorentina, domani sera all’Olimpico, ce ne sarà una ancora diversa: Manolas è stato squalificato, dopo il giallo rimediato domenica, e al suo posto dovrebbe esserci Marcano. Forze fresche potrebbero arrivare dal rientro di Lorenzo Pellegrini, che è tornato a lavorare con il gruppo ma difficilmente potrà giocare dall’inizio, o di Cengiz Under, in campo per uno spezzone di gara contro il Napoli e in lizza per una maglia da titolare. Domenica l’agente del turco era presente all’Olimpico e ieri ha incontrato il d.s. Massara per parlare del futuro del suo assistito.

In agenda c’è anche il rinnovo di Nicolò Zaniolo, a cui la Roma non vorrebbe rinunciare nemmeno davanti ad un’offerta importante, che sicuramente arriverà a fine stagione. Per questo motivo si sta lavorando con l’agente del giocatore per un nuovo contratto sulla base di circa 2 milioni netti di ingaggio.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy