Mai dire mai

di Redazione, @forzaroma

(Corriere della Sera – P. Tomaselli) – Una partenza intelligente, con il trionfo dell’usato «insicuro». E chi l’avrebbe mai detto? Insicuro di essere ancora utile, come Ricky Alvarez nell’Inter. Insicuro di restare, come Daniele De Rossi nella Roma o Hernanes alla Lazio. Insicuro di essere ancora un bomber di razza, come Luca Toni che ha steso il Milan nella sua nuova vita veronese o come Giuseppe Rossi, acquistato dalla Fiorentina ancora convalescente e anche lui subito in gol. L’incertezza assoluta per la verità, scaturiva soprattutto dall’ambiente circostante, più che dai diretti interessati. E su queste basi il discorso si può allargare fino al travolgente Napoli di Benitez: un allenatore che non iniziava una stagione intera dal 2010 con l’Inter, che era stato trattato con sufficienza dal gruppo nerazzurro del dopo Mourinho e nel Chelsea (del pre- Mourinho bis), nella stagione scorsa. […]

 

Lo spessore di De Rossi ed Hernanes è superiore, ma i turbamenti della loro estate romana non sono stati da meno. Il brasiliano ha aperto il campionato con un gol bellissimo all’Udinese (e relativa capriola), facendo dimenticare la sconfitta in Supercoppa con la Juve e le voci di mercato attorno a lui, centrocampista totale e trascinatore della squadra di Petkovic. Il contratto del Profeta con i biancocelesti scade nel 2015: «Il rinnovo? Ne parleremo a mercato chiuso, non c’è fretta». L’importante è crescere ancora, un obiettivo che per Daniele De Rossi non sembrava all’ordine del giorno, soprattutto dopo la brutta stagione con Zeman. Il primo gol romanista del campionato è suo (e mancava dall’ultima partita con Luis Enrique nel maggio 2012). Per il tecnico Garcia è un fatto simbolico, per il d.s. Sabatini non si sa cosa sia, considerata la strana reazione dopo il gol contro il Livorno, con la mano sul volto, non esattamente rasserenato, dato che aveva cercato di vendere Capitan Futuro. Perché De Rossi ha un ingaggio pesante per la Roma e anche per trovare una possibile via d’uscita nel mercato. Ma visto che ormai la cessione è improbabile, ritrovarsi con un giocatore così, di nuovo nel cuore dell’ennesima ricostruzione romanista, non è poco.[…]

 

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy