La Roma si fa coraggio: «Non ci sono invincibili»

«Dobbiamo prendere esempio dalla gara dell’Olimpico e cercare la partita perfetta. Gli invincibili non esistono, anche se il Barcellona è la squadra più forte del mondo» dichiara Garcia nella conferenza stampa pre-gara

di Redazione, @forzaroma

A Barcellona stanno ancora festeggiando per la lezione di calcio inflitta ai nemici di sempre. La Roma è un puntino sullo sfondo, scrive Luca Valdiserri su “Il Corriere della Sera“. Ci si preoccupa di più delle misure di sicurezza: la zona del Nou Camp sarà off limits per le auto, si raccomanda di arrivare con largo anticipo allo stadio perché i controlli saranno minuziosi, sono vietati gli zainetti.

Eppure all’andata è finita 1-1 e non 7-1 per i più bravi. Rudi Garcia lo fa notare: «Dobbiamo prendere esempio dalla gara dell’Olimpico e cercare la partita perfetta. Gli invincibili non esistono, anche se il Barcellona è la squadra più forte del mondo». Le assenze giallorosse sono pesanti: Salah, Gervinho, Totti, Strootman e forse De Rossi. È possibile che a Pjanic sia chiesto di giocare un po’ più avanzato, per non lasciare Dzeko nel deserto. Mire sa di essere nel mirino del Barça: «Fa piacere, ma ora chiedo solo la salute per vincere qualcosa di importante con la Roma. Qui sto molto bene, però nel calcio non si sa mai. E giocare in stadi come questo è qualcosa di unico».

Unico vero vantaggio della Roma: Bate Borisov-Bayer Leverkusen si gioca alle 18 e Garcia saprà il risultato in anticipo. Se i tedeschi non vincono, la Roma sarà artefice del suo destino nell’ultima giornata, il 9 dicembre, contro i bielorussi all’Olimpico.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy