Il ritorno della Sensi: «Il calcio nel dna e Totti nel cuore»

L’ex presidente della Roma oggi si occupa della Lega Nazionale Dilettanti, dipartimento calcio femminile

di Redazione, @forzaroma

Rosella Sensi, ex presidentessa della Roma, oggi si occupa della Lega Nazionale Dilettanti, dipartimento calcio femminile: «All’assemblea di Lega ho spiegato ai miei ex colleghi le potenzialità del movimento…». Ma non dimentica il suo grande amore, la Roma e in un’intervista a Il Corriere della Sera dice:

«Sono tornata all’Olimpico per la Nazionale ma mai per la Roma. Ma senza striscioni, cori, colori l’ho vissuto con distacco».

Pallotta…
«La fermo. Non mi piace esprimermi su un’altra dirigenza. A parti invertite, non lo gradirei. Quindi taccio».

Ha sentito Totti di recente?
«A Natale, per gli auguri. Con Francesco c’è un affetto che non finirà mai. Il giorno del suo ritiro sarà triste e dovrà far riflettere il calcio italiano: chi mai potrà incarnare ciò che Totti rappresenta da un quarto di secolo? Dopo l’autocritica, recuperiamo le radici».

Il giorno più bello?
«Lo scudetto 2000-2001 e l’abbraccio con mio padre. Ho visto tutta la storia della Roma sul suo volto. Certo si poteva vincere di più, ma quando si fanno le cose per amore non si hanno rimpianti».

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy