Hamsik: “Io come Totti”

di finconsadmin

Marek Hamsik è al Napoli dal 2007 e ha appena rinnovato il contratto fino al 2018, quando avrà 31 anni. Se è vero, come ha detto di recente Michel Platini, che il calciatore moderno è diventato un prodotto, merce che deve muoversi e cambiare squadra spesso per guadagnare (e far guadagnare) sempre di più, il capitano azzurro è una felice eccezione. Se la parola bandiera ha ancora un senso, Hamsik insomma lo è. E oggi all’Olimpico ne incontrerà un’altra come Totti. Un buon modello da seguire per diventare un giorno a Napoli ciò che Totti è per la Roma.

«Diventare come lui? Magari, anche se io alla sua età penso che sarò già in pensione… Francesco è spettacolare, a questi livelli a 37 anni. Impressionante».  

Roma-Napoli è una sfida scudetto?  
«Sia noi che loro possiamo arrivare in fondo. Ma oggi non sarà decisiva».  

A proposito di bandiere, Lavezzi, Cavani, Mazzarri se ne sono andati. Del primo grande Napoli di De Laurentiis è rimasto solo lei, che è diventato pure capitano. Si sente più solo o motivato?  
«Motivato. Loro hanno fatto le loro scelte, io mi trovo bene qui. E finché Napoli mi vorrà, io resterò»  

Eppure di offerte ne ha avute. Due anni fa, per esempio, stava per passare al Milan.  
«Vero. Poi però non se n’è fatto più niente. E non mi sono pentito». 

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy