Fonseca: “Giocano Pau e Borja. Troppi gol per errori individuali”

La Roma a Firenze per dimenticare il flop con il Milan: “Non siamo depressi”

di Redazione, @forzaroma

Da un lato, come è giusto, la difesa di due giocatori che appaiono più in difficoltà: Pau Lopez e Borja Mayoral.Contro la Fiorentina (stasera alle 20.45; ndr) giocheranno dal primo minuto“. Dall’altro lato l’ennesimo riferimento, dopo una sconfitta, a errori individuali: “Abbiamo preso troppi gol, lo dicono i numeri (sono 37, la Roma ha la tredicesima difesa del campionato; ndr). Siamo noi che ci creiamo i problemi, non è una questione di organizzazione difensiva. Il Milan ha creato solo quando noi abbiamo sbagliato in fase di costruzione e questo è successo anche nelle altre partite. È un problema di decisioni. Non bisogna perdere palloni all’inizio della costruzione“.

Come se i palloni, scrive  Luca Valdiserri sul Corriere della Sera,  non venissero persi anche e soprattutto a causa del pressing avversario e delle poche soluzioni per evitarlo. La vigilia di Fiorentina-Roma, che è diventata una partita delicatissima dopo che i giallorossi hanno ottenuto un solo punto contro Benevento e Milan, mostra i due volti di Paulo Fonseca. Il tecnico portoghese ha chiara la situazione e conferma il portiere e il centravanti proprio per evitare che cadano in depressione: “Quella semmai la vedo fuori. Abbiamo sempre reagito bene dopo le sconfitte e per me è un punto positivo. Gioca Pau e continueremo a costruire l’azione dal basso. Per me è importante che il nostro portiere giochi con la squadra. La differenza è capire sempre quando possiamo giocare il pallone e quando invece non possiamo farlo. Se la squadra ha una pressione forte, non dobbiamo rischiare“.

La Roma non cambierà il 3-4-2-1, che ormai è il modulo di riferimento: “Ogni grande squadra ha una sua identità e non si può modificarla perché vinciamo o perdiamo una partita. Può cambiare, semmai, la strategia per ogni partita”.

 

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy