“Corruzione, ora processate Parnasi & Co.”

“Corruzione, ora processate Parnasi & Co.”

I magistrati Ielo e Zuin hanno chiesto il processo per Parnasi, i suoi collaboratori e alcuni politici e funzionari pubblici

di Redazione, @forzaroma

I magistrati Paolo Ielo e Barbara Zuin hanno chiesto il processo per Luca Parnasi, i suoi stretti collaboratori, alcuni politici e funzionari pubblici per le vicende della Eurnova srl titolare del piano per lo stadio di Tor Di Valle, accusandoli di corruzione. Gli elementi raccolti dai carabinieri — in circa due anni di indagini — sarebbero sufficienti a dimostrare un fitto scambio di tangenti e favori dietro le quinte del nuovo progetto. I magistrati chiedono il processo anche per Luca Caporilli, Simone Contasta, Giulio Mangosi, Nabor Zaffiri e Gianluca Talone per “il compimento di intermediazione illecita, la promessa e/o dazione di denaro e di altre svariate utilità, provvedimenti amministrativi favorevoli alla realizzazione del nuovo Stadio della Roma e altri progetti”. Nelle scorse settimane la Procura aveva già sollecitato il processo (con rito immediato ossia senza passare per l’udienza preliminare) anche per Luca Lanzalone l’avvocato fiduciario dei Cinque Stelle, ex presidente di Acea che avrebbe svolto il ruolo di mediatore pro – Parnasi in una serie di circostanze. Per la vicenda è indagato il soprintendente Francesco Prosperetti che “abusando della sua qualità e dei suoi poteri” avrebbe indotto Parnasi a offrire un incarico all’amico Paolo Desideri in cambio della rimozione di un vincolo architettonico che limitava il progetto. Ma sono indagati, fra gli altri, anche l’ex braccio destro di Nicola Zingaretti, Michele Civita, il forzista Adriano Palozzi, il pentastellato Daniele Leoni. É ancora aperto, invece, il filone, nato dalle dichiarazioni di Parnasi durante gli arresti in carcere, che riguarda il finanziamento illecito ai partiti (in particolare Pd e Lega). Lo riporta il Corriere della Sera.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy