Gattuso: “Partita vera, complimenti alla Roma. Però non ricordo parate di Meret”

Le parole dell’allenatore azzurro: “Questa squadra spesso si siede, Lorenzo anche se è forte va sempre a dare una mano”

di Redazione, @forzaroma

Rino Gattuso, allenatore del Napoli, ha parlato ai cronisti dopo la partita contro la Roma di Paulo Fonseca. Ecco le sue parole.

GATTUSO A SKY

Qual è il segreto della cura Gattuso?
Nessun segreto, alleno giocatori forti e gli va ricordato. Dopo la finale di Coppa Italia ho detto che dovevamo pedalare perché molti di questi giocatori faranno parte della rosa. Dobbiamo creare una mentalità vincente pensando al noi e non all’io.

Che rapporto ha con Insigne?
Penso che Lorenzo abbia caratteristiche che lo devono portare a saltare l’uomo. Se le gambe lo aiutano fa la differenza. Lui lo ha capito, vuole sempre giocare e mi guarda con gli occhi storti se lo cambio. E’ un ragazzo intelligente, quando ci alleniamo e proponiamo cose le capisce al volo. Queste è la sua forza.

Dove può migliorare il Napoli ancora?
Dobbiamo migliorare nella mentalità perché ogni tanto si siede. In questi anni ha sempre peccato un po’ quando pensavano di fare il salto di qualità. Va migliorata la mentalità, ma qualitativamente sono molto forti.

Lozano?
E’ un ragazzo che deve giocare a campo aperto e fatica quando si palleggia. Ha una velocità incredibile e ultimamente lo vedo meglio e più reattivo. Lui preferisce la palla lunga ma è difficile per come vogliamo giocare.

Ci sono giocatori che hanno già la mentalità di cui parli?
Io voglio vedere quello che fa Insigne perché anche se è forte va a dare una mano. Facciamo un gran palleggio, ma dopo dobbiamo riuscire a lavorare bene tutti quanti. A tanti non piace, ma se ne devono fare una ragione perché non possiamo fare diversamente.

Come mai concludete poco nonostante arrivate spesso al tiro?
Bisogna attaccare lo spazio, spesso vogliamo fare combinazioni strette con il dai e vai. Negli ultimi venti metri fatichiamo, ma possiamo migliorare.

Si può dire che il Napoli ha la rosa più equilibrata delle prime?
Sono giocatori funzionali. Demme, Lozano, Elmas: sono tutti calciatori che fanno al caso della nostra idea di calcio. Lobotka anche potrebbe giocare dal primo minuto. Abbiamo giocatori importanti e funzionali al calcio che vogliamo fare. Abbiamo una rosa importante.

Sulla Champions
Non so nemmeno se ci arrivo al sette agosto. Penso al Genoa, ci penserò tra due settimane. Ora non dobbiamo fare figuracce e crescere partita dopo partita. Non vogliamo regalare niente ai nostri avversari.

GATTUSO IN CONFERENZA STAMPA

Vittoria cercata e trovata
“Complimenti innanzitutto alla Roma. È stata una gara vera, a Bergamo nel secondo tempo ci siamo persi in chiacchiere. Ora invece abbiamo fatto la gara giusta”.

Nota dolente il gol preso in contropiede
“Sì, non ricordo parate di Meret. Potevamo evitarlo quel gol, quando porti tanti giocatori in attacco può succedere. Dobbiamo essere più attenti”.

Cosa bisogna fare per arrivare al meglio alla sfida al Barcellona?
“Manca più di un mese, dobbiamo pensare a finire bene il campionato. Mi interessa la mentalità, giocare bene le partite. Molti resteranno anche l’anno prossimo, bisogna costruire una mentalità vincente”.

Nel tuo Napoli in tanti sono tornati protagonisti?
“Credo che questo sia un merito dei ragazzi, che hanno mostrato grande disponibilità alle indicazioni del mio staf”

 

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy