Coronavirus, Jankto: “Quindici infetti nella Sampdoria e potrebbero essere già di più”

Coronavirus, Jankto: “Quindici infetti nella Sampdoria e potrebbero essere già di più”

Il centrocampista ceco: “Spero solo che l’orrore si possa fermare qui, in modo che non ci siano più contagiati o addirittura morti. Il calcio e lo sport sono ormai all’ultimo posto”

di Redazione, @forzaroma

Il coronavirus ha già costretto la Sampdoria all’isolamento. In un’intervista a sport.cz , il centrocampista ceco Jakub Jankto aggiorna sulla situazione del mondo doriano affermando che  “quindici persone già state infettate” e che “il numero potrebbe essere ancora più alto”. Di seguito inoltre il racconto della sua quarantena: “E’ spaventoso: spero solo di non essere contagiato. Non ho sintomi ma non ne sono sicuro. Ero in contatto diretto con i compagni di squadra già contagiati. Quindici persone sono già state infettate nel club, ma potrebbe già non essere più così, il numero potrebbe essere ancora più alto. Siamo chiusi in un appartamento con tutta la famiglia da quasi una settimana. La cosa fastidiosa è che non possiamo andare da nessuna parte, siamo ancora in uno spazio limitato. Trascorriamo la maggior parte del nostro tempo nel soggiorno. Non c’è niente che possiamo fare, dobbiamo sopportarlo. La situazione in Italia non è affatto buona, direi spaventosa. Quasi ogni giorno ci sono migliaia di contagiati e centinaia di morti. Forse trecento in un solo giorno. Peggio ancora, la situazione sta peggiorando, quindi non c’è modo di sapere quando finirà tutto. Ero in contatto diretto con i compagni di squadra già provati. Spero solo che l’orrore si possa fermare qui, in modo che non ci siano più infetti o addirittura morti. Il calcio e lo sport sono ormai all’ultimo posto”. 

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy