Verdone: “Roma bipolare con giocatori sconosciuti: senza stadio solo plusvalenze”

Verdone: “Roma bipolare con giocatori sconosciuti: senza stadio solo plusvalenze”

L’attore: “Stamattina vorrei prendere una sedia e tirarla in testa a qualcuno. La Roma è la squadra dei treni persi ormai”

di Redazione, @forzaroma

Carlo Verdone, regista e attore romano tifoso della Roma, è intervenuto ai microfoni di Radio Uno durante la trasmissione “Un giorno da pecora”. Queste le sue parole sulla disfatta della Roma a Firenze: “Stamattina vorrei prendere una sedia e tirarla in testa a qualcuno. La Roma è la squadra dei treni persi ormai. Ieri ho visto la partita con estremo distacco fino al terzo gol, ho iniziato a chattare con qualche collega tifoso romanista come a me, poi al settimo gol mi sono alzato e sono andato a mangiare fregandomi di tutto. Ero con degli amici e c’è chi, come Enrico Vanzina, già al 4° gol ha preso la macchina e se n’è andato via, senza neanche salutarci”.

L’attore di fede giallorossa ha proseguito sul momento negativo della Roma: “Devo essere sincero, io voglio bene a Eusebio Di Francesco, però c’è poco da fare, qui non riesce a formare il gruppo perché non può essere una squadra così bipolare dove in una partita dici: ‘Mica male, sono stati veramente precisi!” e nell’altra li vedi assenti. Evidentemente c’è una spaccatura nello spogliatoio tra giocatori giovani e giocatori più esperti, tanto è vero che ho letto che c’è stata una litigata tra Dzeko e Cristante. Non si può andare avanti così e va cambiata qualcosa, anche se le colpe partono da lontano perché quando si fanno degli acquisti come Pastore che non giocava mai nel Psg, Nzonzi, Marcano, Coric, Bianda… ma chi sono? Se dovessimo fare una formazione dei giocatori venduti esce fuori una delle prime tre squadre del mondo. È colpa di Pallotta? Se non si sbrigano a dargli un ok per lo stadio questo Presidente penserà sempre alle plusvalenze, cercando di spendere il meno possibile. Quindi è colpa della burocrazia perché in questa città non si riesce a fare niente. Paulo Sousa? A questo punto va bene tutto. Il portoghese è una persona seria, ma non voglio andare contro Di Francesco

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy