Ufficiale, Cristante è della Roma: affare da 30 milioni. Il calciatore: “Era un mio obiettivo” – COMUNICATO

Il centrocampista classe ’95 lascia l’Atalanta e abbraccia i colori giallorossi

di Redazione, @forzaroma

Dopo l’arrivo a Fiumicino, le visite mediche e gli scatti in giallorosso, ecco anche la firma e l’ufficialità. Bryan Cristante è un nuovo calciatore della Roma: ad annunciarlo il comunicato del club capitolino sul proprio sito ufficiale.

Di seguito la nota del club giallorosso:

L’AS Roma è lieta di annunciare l’ingaggio del calciatore Bryan Cristante.

Il club rende noto di aver raggiunto un accordo per la stipula di un contratto di acquisto a titolo temporaneo, a far data dal 1° luglio 2018 e fino al 30 giugno 2019, dei diritti alle prestazioni sportive del centrocampista classe ’95 dalla Atalanta BC.

L’accordo prevede un corrispettivo fisso di 5 milioni di euro, e l’obbligo di acquisizione a titolo definitivo per 15 milioni di euro, condizionato al verificarsi di determinate situazioni sportive.

L’accordo prevede inoltre il pagamento di un corrispettivo variabile, fino ad un massimo di 10 milioni di euro, per bonus legati al raggiungimento da parte del club e del calciatore di determinati obiettivi sportivi.

Con il calciatore è stato raggiunto un accordo per la stipula di un contratto che avrà validità fino al 30 giugno 2023.

“Sono molto felice perché venire qui alla Roma era il mio obiettivo”, le parole di Cristante. “C’era una forte e reciproca volontà da parte mia e del club di trovare un accordo e lo abbiamo trovato in pochissimo: sono sicuro che potrò fare del mio meglio e dare il mio contributo a questa squadra”.

Negli ultimi 18 mesi Bryan ha vestito la maglia dell’Atalanta, guadagnando anche la convocazione con la Nazionale maggiore dell’Italia. In particolare nella stagione 2017-18 con i nerazzurri è sceso in campo in 46 occasioni realizzando ben 12 reti.

Cresciuto nel settore giovanile del Milan, Cristante ha fatto il suo debutto in rossonero in una gara di Champions League contro il Viktoria Plzen nel dicembre 2011 a soli 16 anni, esordendo poi in Serie A nel novembre 2013 in Chievo-Milan.

Acquistato dal Benfica nell’estate del 2014, il centrocampista friulano è rimasto in Portogallo per un anno e mezzo totalizzando 20 presenze totali e conquistando un campionato e una coppa di lega.

Dopo i prestiti al Palermo e al Pescara, dal gennaio 2017 Bryan è passato all’Atalanta dove è diventato presto un titolare della squadra di Gasperini.

Dopo aver rappresentato l’Italia dall’U16 all’U21, Cristante ha esordito con la Nazionale maggiore il 6 ottobre del 2017 nella gara contro la Macedonia valida per le qualificazioni ai Mondiali, collezionando poi altre 4 presenze in azzurro, l’ultima il 4 giugno scorso nel pareggio contro l’Olanda.

“Con l’acquisto di Bryan la Roma si è assicurata uno dei centrocampisti più promettenti del calcio italiano”, ha dichiarato il DS Monchi. “Mi auguro che nel futuro diventi uno dei pilastri del club e della Nazionale”.

L’intervista di Bryan Cristante a Roma Tv:

Che sensazioni hai?
Le sensazioni sono buone, dall’accoglienza in aeroporto. La città non ha bisogno di presentazioni, si vede subito che la società è organizzata e ha un pensiero dietro tutte le trattative. Era il mio obiettivo venire qui e siamo riusciti a chiuderlo alla svelta. Non è una scelta casuale, c’era tutto un ragionamento dietro, sono sicuro che potrò fare del mio meglio e dare tutto me stesso.

La Roma ti ha voluto fortemente…
Sì, mi ha voluto con grande forza. Da parte mia c’era la stessa volontà e infatti abbiamo trovato subito l’intesa ad inizio mercato. Sono quindi contentissimo. Era il mio obiettivo venire qui e sono riuscito a raggiungerlo velocemente.

Tornerai a giocare in Champions League…
La Champions League è l’obiettivo di tutti, da quando inizi da ragazzino il sogno di giocare in Champions League è sempre lì. Sono contento di esserci tornato, la Roma ha dimostrato che può stare benissimo al livello delle top e quest’anno c’è da ripetersi. Si sa che la città ha un calore speciale, sicuramente il pensiero e l’obiettivo è quello di rivivere certe notti.

Hai solo 24 anni ma hai già girato molto tra l’Italia e l’Europa: cosa ti hanno dato queste esperienze?
Penso che da ogni esperienza si può cogliere qualcosa di buono e si può crescere, da quelle più positive a quelle meno esaltanti. Io ho poi avuto la fortuna di viaggiare da molto giovane fuori dall’Italia e devo dire che questo mi è servito tanto.

Come giudichi le tue stagioni con l’Atalanta?
È stata davvero un’ottima esperienza, un anno e mezzo bellissimo. Devo ringraziare per questo un po’ tutti, dallo staff tecnico alla società alla città. Mi sono trovato da subito bene e sono riuscito a esprimere immediatamente tutto il meglio di me stesso.

L’accoglienza nella capitale…
Ho visto il calore che hanno dimostrato nei miei confronti all’aeroporto e dai social, da parte mia ci sarà semplicemente il massimo impegno in ogni partita e in ogni allenamento.

Quale credi possa essere il tuo apporto alla Roma?
Io voglio dare tutto quello c’è da dare e ripagare i motivi per cui mi hanno preso. Come ho già detto, quella di venire qui non è stata una scelta casuale, ma ha alle spalle tutta una sua logica. Sono sicuro che a Roma potrò fare del mio meglio e dare tutto me stesso.

Hai avuto modo già di parlare con Monchi e Di Francesco?
Ho parlato con entrambi: mi hanno dato il benvenuto e mi hanno spiegato i motivi della scelta e io li ho semplicemente ringraziati per questa opportunità.

Vuoi mandare un messaggio ai tifosi romanisti?
Li saluto e li ringrazio perché ho già visto il loro calore, tra l’accoglienza in aeroporto e i messaggi sui social. Quindi da parte mia ci sarà semplicemente il massimo impegno in tutto, in ogni partita e in ogni allenamento.

 

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy