Ranieri: “Champions? Pensiamo un match alla volta. De Rossi trascina la squadra”

Ranieri: “Champions? Pensiamo un match alla volta. De Rossi trascina la squadra”

Le parole del tecnico al termine del match con la Samp: “Zaniolo deve migliorare, ma è umile. Bravi i difensori”

di Redazione, @forzaroma

La Roma torna a vincere a Marassi. Con la Sampdoria finisce 1-0 con gol di Daniele De Rossi. Una boccata d’aria e un’iniezione di fiducia per i giallorossi. Al termine del match ha parlato il tecnico romanista Claudio Ranieri. Le sue parole:

RANIERI A DAZN

Roma più bella da quando è tornato: c’è stato tutto quello che era mancato.
E’ una mentalità che deve avere ogni squadra, di essere squadra e aiutarsi, contro un’ottima Samp. E’ difficilissimo pressarla, ma abbiamo fatto davvero un’ottima prestazione.

Scelta vincente mettere Dzeko senza togliere Schick.
Pellegrini aveva fatto un’ottima partita aiutando il centrocampo, ma poi volevamo vincerla, così come la Samp. Ma Schick ha lottato e si è impegnato, ho preferito far restare lui e con Dzeko hanno fatto finalmente una buona coppia.

Su Kluivert.
E’ un ragazzo, fa degli errori ma fa sempre anche buone cose.

Siete stati molto compatti: era importante venire a vincere o non perdere?
Era vincere. Ma conoscendo lo storico della Roma, anche perché stavamo prendendo gol al 90′ su rinvio, avevo chiesto di andare velocemente in verticale, perché salendo con tutti sapevamo di poter avere degli spazi.

Sull’importanza di De Rossi.
Daniele è l’anima di questa squadra, il capitano, si gasa e gasa i compagni, è un condottiero. Io ho bisogno di leader, di gente che tiene alla maglia e tutti lo stanno seguendo. E questo è importante per me, per la società e per i tifosi.

Ha riproposto quello che faceva al Leicester con gli esterni stretti.
Pellegrini schermava il loro centrocampista ma stavamo sempre con uno in meno. A me piacciono gli esterni che si allargano quando giochiamo palla e quando la perdiamo vanno a chiudere. Poi la Samp era bravissima a mettere la palla centrale tra le linee, dove avevano giocatori di grande qualità. Quindi faccio un elogio agli esterni, ai centrocampisti centrali ma soprattutto ai 4 difensori.

Zaniolo impressiona per forza fisica e personalità.
E’ bravo, io sono tranquillo quando la palla ce l’ha lui. Deve migliorare, ma a 19 anni ha tanta strada ancora. Il ragazzo è volenteroso e umile e ascolta e questo è importante.

RANIERI A SKY

Si è rivista la Roma intesa come squadra collettivo, giocatori che hanno corso più del solito. Lei cercava questo?
Il calcio è uno sport di squadra e io volevo che tutti si aiutassero in campo. Hanno giocato con grinta e determinazione, al di là del risultato sono soddisfatto.

Oggi in campo tanti giovani, ma poi c’era un De Rossi vero totem.
Daniele è un condottiero, si fa seguire e questo mi rende felice. Alla squadra chiedo spirito di sacrificio perché se non hai questo non arrivi da nessuna parte. Gli ho chiesto di aiutarsi l’uno con l’altro perché poi con la qualità arriva il resto

Buono il lavoro sulle fasce, si era già visto bene contro la Fiorentina
Grazie, sottoscrivo. L’importante è continuare sotto questa falsa riga. Da soli non vincono. Contro il Napoli avevano corso di più degli avversari ma non l’avevamo mai presa, proprio perché non hanno giocato da squadra. Contro la Fiorentina meglio, oggi ancora di più.

Bene anche Schick, e da trequartista ha lavorato anche per la squadra
Dopo Pellegrini , magari ho pensato di mettere Zaniolo in mezzo ma quando ho visto la prestazione di Schick così volitivo che aiutava e ripartiva, saltava di testa e allora mi sono detto ‘lo metto li’. Lui è una seconda punta, ha fatto bene sia da prima punta senza Dzeko che da seconda punta.

Ricordo le parole dure nel dopo Ferrara, nel giro di due settimane le cose sono cambiate. Su Kluivert come stai lavorando per far emergere le qualità del giocatore?
Ha bisogno di capire tatticamente come si gioca, io gli dico sempre fammi vedere come giocavi nell’Ajax…è un ragazzo molto disponibile e spero possa continuare con queste prestazioni

Il peggio è passato e il quarto posto è ancora a portata?
Non dobbiamo pensare alla Champions, anche se i ragazzi ci pensano. Facciamo un passo alla volta, ora c’è l’Udinese, e poi alla fine tireremo le somme.

RANIERI A ROMA TV

Aveva chiesto una Roma testaccina, con carattere. La squadra inizia a seguirla.
Ottima prestazione contro un’ottima Sampdoria. Se li pressi sanno giocare a uno, due tocchi e ti bucano centralmente. Avevo chiesto agli esterni di venire stretti perché con il rompo loro avrebbero avuto superiorità centralmente. Meno male che abbiamo fatto gol.

I ragazzi sembrano credere alla sua filosofia.
La partita dura 90′, se vogliamo spararci tutte le cartucce subito gli altri ne approfittano. Nei primi minuti abbiamo rischiato con la palla per Quagliarella, poi un cross messo fuori di testa da Gabbiadini e l’errore di Mirante. Ma contro la Samp che fa girare la palla velocemente abbiamo fatto un’ottima partita, non siamo stati lì a guardare. Abbiamo fatto le sovrapposizioni con Kolarov e Karsdorp, sono soddisfatto.

Lei ha detto che fisicamente stavano bene, sembra di vedere un’altra squadra.
Sei stato giocatore (a Ubaldo Righetti, ndc). Contro il Napoli avevamo corso di più e male, stessa cosa con la Fiorentina. Sono curioso di vedere stasera, ma l’importante è correre da squadra, hanno fatto una gara meravigliosa.

Difesa attenta, si è dato ossigeno alla classifica. Però non abbiamo fatto niente, sabato c’è l’Udinese.
Per l’amor di Dio… La classifica ancora non l’ho vista, guardo solo la prestazione e come corrono e si aiutano i ragazzi. La classifica non conta ora, conta all’ultimo.

Ci è piaciuto tanto il recupero alla fine di El Shaarawy.
Quello è quello che io voglio. A me non piacciono i giocatori che giocano in un campo in discesa. Se vai a 100 all’ora devi tornare a 200 all’ora: chi ce la fa ha più possibilità di giocare. Se tutti seguono questo discorso, anche chi non vuole rientrare deve farlo per giocare e deve farmelo vedere in allenamento.

El Shaarawy avrà una maglia da titolare allora…
Non l’ho sentito, ma mi hanno riferito che qualche compagno gli ha detto “ah, ma allora le fai queste cose…” (ride, ndc). Sono cose che fanno bene alla squadra. Se tutti si aiutano c’è uno spirito di emulazione importante.

RANIERI A RADIO RAI

Partita molto equilibrata…
Credo che sia stata una gara all’inglese tra due squadre che volevano vincere e hanno tentato fino all’ultimo, ben per noi, sono contento della prestazione dei ragazzi che hanno fatto una gara di sofferenza, di intenti e di bellezza. Giocare contro la Samp è difficile, gioca con uno-due tocchi e devo ritenermi davvero soddisfatto questa sera. Ho chiesto ai miei di essere compatti, di essere umili, di aiutarsi, agli esterni di stare stretti e abbiamo fatto bene.

De Rossi?
Daniele è seguito da tutti, è il capitano, un condottiere, dà sempre tutto e sono contento di averlo come capitano.

Come state a livello fisico?
Quando le cose vanno male corri di meno, non sei felice di giocare ma la felicità è la cosa più importante, io ho detto ai ragazzi che stanno bene fisicamente, lo abbiamo visto anche contro il Napoli per quanto abbiamo corso, ma dovevano correre meglio da squadra, con la Fiorentina hanno fatto bene, la squadra sta bene fisicamente si deve ritrovare sotto il livello psicologico e sto lavorando molto sotto questo aspetto.

Si parla tanto del nuovo allenatore ma perché non può essere lei?
Parliamo dell’altro allenatore, io lavoro bene, se c’è qualcosa che non mi quadra me ne vado, mi è stato chiesto di dare una mano alla mia squadra del cuore ed è quello che sto facendo.

Corsa Champions?
Credo che sia bella e interessante per il calcio italiano, dobbiamo continuare così, chi riuscirà ad essere più determinato e forte mentalmente la spunterà. Non ho mai visto la classifica, penso alla mia squadra e a farla giocare bene ed essere squadra, e solo alla fine la vedrà.

Dzeko?
I goleador hanno delle annate meno prolifiche, credo molto in lui, è un campione e ritroverà la via del gol al più presto.

RANIERI IN CONFERENZA STAMPA

Successo importante…
Ho visto una gran bella partita. Ammiro tantissimo Giampaolo per come fa giocare la squadra con un gioco fluido e bello. Ho parlato alla squadra per non farci prendere l’imbucata a centrocampo. La Roma ha fatto un’ottima prestazione ma complimenti alla Sampdoria.

De Rossi?
Ha fatto gol ma la cosa più importante è che è un condottiero. E’ un giocatore attaccato alla propria città e alla maglia. Stasera lo hanno seguito tutti i compagni. Per me hanno lottato tutti e si sono sacrificati tutti per il bene della squadra.

Nel primo tempo la linea di difesa della Roma era coraggiosa…
Non è che io chiedo che sia alta o bassa. Chiedo siano compatti. La squadra lo è sempre stata, non abbiamo mai dato l’impressione di sbagliare. Tutti si sono sacrificati. C’era da correre perché la Samp gioca bene e con uno, due tocchi gira bene la palla.

Fallo di Schick su De Rossi e il gol annullato ad Andersen?
Non li ho rivisti i gol. Sono sincero.

Gli ultimi venti minuti?
L’ho vissuto bene. L’ultimo rinvio di Mirante non l’ho vissuto bene (ride ndr). Era una gara importante per noi come per la Samp. Per me era importante testare la determinazione dei ragazzi.

Ha detto qualcosa ai suoi prima del match vista la sconfitta del Milan?
No. Sono sincero, ancora non sto guardando la classifica. C’è però il condottiero che sapeva il risultato e c’ha pensato lui a caricare i ragazzi.

Come giudicate le prestazioni degli attaccanti?
Si sono comportati bene. Zaniolo sulla destra si è comportato bene, Kluivert sulla sinistra ha una velocità incredibile. Schick ha fatto un bel secondo tempo e Pellegrini sta recuperando bene.

Emergenza in difesa?
Non lo so. Al limite giocherà Juan Jesus, o rientrerà Florenzi. E’ l’ultimo dei problemi visto che ne ho tanti infortunati.

Il secondo tempo di Fazio?
Bellissimo, forte, deciso e determinato. Veramente una gran partita.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy