Forzaroma.info
I migliori video scelti dal nostro canale

news as roma

Escluse lesioni per Kumbulla, Spinazzola avanza. Mkhitaryan nostalgia Dortmund

Getty Images

Nelle ultime ore in tanti hanno difeso Mourinho. Il difensore albanese ha abbandonato la sua nazionale per un risentimento muscolare. Sul mercato, Botman costa troppo, mentre Senesi è più economico

Redazione

Reazione

Frammenti di una Roma vessata ma ancora in piedi, provano a tramutarsi in energia e a farsi largo nella settimana che porterà alla partita col Genoa. Sul rovescio della medaglia della sconfitta del Penzo (sembra passata una vita), si denota una gigantesca fetta di tifosi, ex calciatori e addetti ai lavori, dalla parte di Mourinho. Francesco Totti e Daniele DeRossi, ieri si sono schierati completamente con il tecnico portoghese: "Se stiamo qua a dire che il problema della Roma sia Mourinho vuol dire che abbiamo sbagliato tutto" Ha detto lo storico dieci. Non tergiversa nemmeno 'DDR': "Mourinho è uno dei 5-6 tecnici migliori di sempre". Rimbombano e come queste parole. Parole di due colonne portanti della Roma e del romanismo, due mai banali. Anche Aldair ha parlato. 'Pluto' oltre ad aver apprezzato la crescita di Ibanez, ha accostato lo Special One a Fabio Capello: "Potrebbe ripetere il suo percorso". Nella categoria dei "mai banali" c'è sicuramente Zdenek Zeman. Il tecnico boemo parla di scelte sbagliate nella composizione della squadra, ma poi benedice Mou: "Per me Mourinho è un grande comunicatore, riesce ad esprimere le sue idee per convincere chi lo ascolta". E' risaputo che l'ambiente a Roma è eccitante come pochi nel bene, ma da incubo quando le cose non vanno. Lo sa anche Massimo Moratti, che il clima di Trigoria non lo conosce. Conosce Mourinho però, il tecnico che gli ha regalato le soddisfazioni più grandi: "Bisogna lasciargli tempo. Nel calcio non si vince solo con la volontà". Anche Rummenigge, dirigente del Bayern Monaco, in un'intervista ha augurato il meglio al tecnico giallorosso. Ha anche confessato che era un obiettivo dei bavaresi.

 Getty Images

Palla ai protagonisti

Spostandoci sul terreno di gioco, arrivano notizie confortanti per Leonardo Spinazzola. Il suo agente Davide Lippi rassicura tutti sulle condizioni fisiche del suo assistito, ma chiede cautela per il rientro. Serve tempo e consulto dei medici. Rimanendo sulla difesa, il reparto fatiscente della struttura mourinhana, Marash Kumbulla è rientrato in Italia dopo l'infortunio subito nella gara della sua Albania contro l'Inghilterra. Del campo e del ritiro dal rettangolo verde ha parlato Mkhitaryan. L'armeno, in una lunga intervista a 'Sport1' ha fatto capire che prima o poi tornerà al Dortmund. Della sua crescita, della Serie A, dell'importanza di Mourinho e del rapporto tra il 'nostro' campionato e la Premier, TammyAbraham ha detto la sua in una lunga intervista dal ritiro con la nazionale inglese. Domenica prossima c'è il Genoa a Marassi, e sarà la prima di Shevchenko sulla panchina dei grifoni. Oggi alle 14.00 c'è stato il primo test con la Primavera. La sua squadra però, potrebbe fare a meno di Salvatore Sirigu, che ha lasciato anzitempo la Nazionale per rientrare a Genova.

Il mercato è vicino

Il mercato si avvicina sempre di più e la Roma dovrà centellinare le risorse. Non bisognerà fare un mercato di reazione. C'è bisogno di concretezza. Se dietro le cose non vanno come dovrebbero (Mourinho non ha mai preso così tanti goal in carriera), oltre a Dalot, nelle ultime ore sono emersi i nomi di centrali quali Botman del Lilla - che però costa troppo - e Senesi del Feyenoord, operazione tra i 15 e i 20 milioni di euro. L'entourage di Zakaria invece, non si sbilancia, ma fa intuire che qualcosa dalle parti del Monchengladbach si sta muovendo: sembrerebbe più avanti la Juventus, che avrebbe individuato il rinforzo a centrocampo per Allegri.

Gianluigi Pugliese