El Shaarawy: “Vittoria di cuore. Devo avere più coraggio”

El Shaarawy: “Vittoria di cuore. Devo avere più coraggio”

Le parole del Faraone al termine del match: “C’era parecchio nervosismo all’inizio ma siamo stati bravi a ribaltare subito il risultato”

di Redazione, @forzaroma

La Roma vince all’ultimo respiro contro il Frosinone, portando a casa tre punti che sembravano essere svaniti. Al termine del match Stephan El Shaarawy ha raccontato le sue impressioni:

EL SHAARAWY A SKY

Difficoltà di gestione de pallone con il vento.
La palla mi si è fermata ho dovuto stoppare la corsa e mettere il pallone a Edin. Gol pesantissimo, vittoria di cuore che ci abbiamo creduto.

Non state esprimendo un grande calcio
Dobbiamo migliorare sotto questo aspetto ma questo non è un campo facile. Siamo stati bravi anche senza tantissima qualità a ribaltare il risultato E’ stato importante crederci fino alla fine anche se non bisogna arrivare a tanto perché certe volte non ce la fai a conquistare i tre punti.

Ti senti non dico leader di questa squadra ma il giocatore che speravi di diventare?
sento che sono cresciuto. Giocando sempre acquisti più consapevolezza delle mie potenzialità. Fisicamente mi sento bene e conta molto la prestazione al di là del risultato.

Dove devi crescere per convincere Mancini per le fasce della Nazionale?
Mi sento cambiato anche nell’attaccare lo spazio. Anche nel gol vittoria la palla di De Rossi la leggo prima e cerco di andare in profondità. Ci credo dove altri non lo fanno. Questa è la caratteristica migliore. Devo invece migliorare e avere più coraggio nell’uno contro uno.

EL SHAARAWY A ROMA TV

“Mi sento molto bene fisicamente, giocando sicuramente acquisisci più fiducia e consapevolezza, che sto avendo in questo momento e sono molto contento”.

Partita difficile e approccio non dei migliori
No, è mancata la qualità però non era facile arrivare in questo ambiente su un campo difficile. C’era parecchio nervosismo all’inizio ma siamo stati bravi a ribaltare subito il risultato. Penso che sia stata una vittoria di cuore che ci prendiamo e ce la godiamo.

Bellissima l’ultima azione, ce la commenti
La proviamo sempre in allenamento. Daniele con la coda dell’occhio mi guarda, lo capisco e vado in profondità. Non è stato facile metterla in mezzo perché la palla mi è rimbalzata subito ma ho stoppato la corsa e sono riuscito con il sinistro a metterla in mezzo. Edin ha fatto un gol importantissimo.

Che succede a questa squadra?
A volte pecchiamo di lucidità. Spesso non riusciamo a gestire bene la palla da dietro. Oggi una partita difficile e al livello di qualità potevamo fare sicuramente meglio. Lo spirito è stato giusto. Poi ci sono delle disattenzioni dove siamo andati tutti sullo stesso avversario. Ci prendiamo i tre punti e pensiamo al derby.

Finalmente la continuità, ti senti importante e ti ci fanno sentire
Si sicuramente avendo una maggiore considerazione questo da maggiore fiducia. Poi giocando più spesso sali di condizione e consapevolezza. I gol poi ti caricano di entusiasmo e questo è molto importante per me. Però adesso entriamo nel momento più complicato della stagione con tante partite importanti e bisogna stare calmi, avere equilibrio e pensare partita dopo partita.

Mancini ti convoca?
Speriamo.

EL SHAARAWY IN ZONA MISTA

Cosa ti porti a casa di questa sera?
I tre punti, che sono la cosa più importante di una partita molto difficile, un campo e un ambiente complicati dove ci hanno messo subito nervosismo. Siamo stati bravi a ribaltare subito il risultato nel primo tempo, anche con non tantissima qualità ma con tanto agonismo e cattiveria. Potevamo anche chiuderla sul 3-1, ma ci portiamo a casa i tre punti con tanto entusiasmo perché adesso c’è il derby e siamo contenti.

Siete rimasti in partita fino alla fine.
Non abbiamo perso la lucidità fino all’ultimo, potevamo perdere uomini per il nervosismo con qualche cartellino, invece siamo rimasti lucidi e compatti per crederci fino alla fine. Non bisogna sempre arrivare così in queste partite, perché non sempre le vinci. Ma questa vittoria non è un caso.

Segni e fai segnare: stai molto bene.
Sì, mi sento molto bene fisicamente. Poi è normale che giocando sali di condizione, acquisisci più fiducia e consapevolezza di te stesso. Sono contento del momento ma mancano ancora tante partite, entriamo nel momento più delicato della stagione. Ora c’è il derby, poi la Champions, quindi dobbiamo restare concentrati e pensare partita per partita.

Si è visto un po’ di nervosismo anche tra di voi: c’era qualcosa che non andava?
No, tra di noi sono discussioni di campo e penso che succeda in tutte le partite. Ma non ci sono stati litigi, anche se c’era parecchio nervosismo per il clima e per il pubblico, ma siamo stati lucidi fino alla fine, ci abbiamo creduto e ci portiamo questa vittoria a casa.

Sull’infortunio di Manolas.
Ha ricevuto una botta forte alla caviglia.

0 Commenta qui


Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy