Dzeko non si ferma, in campo con la maschera. Fonseca ottiene lo sconto, torna col Milan

Dzeko non si ferma, in campo con la maschera. Fonseca ottiene lo sconto, torna col Milan

Si avvicina lo stadio della Roma: consegnata la convenzione urbanistica ai proponenti. Florenzi: “Questo periodo dirà le ambizioni della Roma”. Jesus contro il razzismo: “Voglio combatterlo”

di Valerio Salviani, @vale_salviani

“Questo è il periodo che ci dirà a cosa può ambire la Roma. Siamo in difficoltà numerica, dovremo tirare fuori qualcosa in più”. Florenzi conosce bene la strada da prendere e cosa aspetta i suoi. Smaltita l’influenza, il capitano grida la carica in vista del tour de force in arrivo. Si comincerà domenica contro la Samp e si giocherà un match ogni 3 giorni fino al 10 novembre. La buona notizia è che Dzeko sembra già pronto a tornare in campo. Oggi si è allenato in gruppo con la maschera in carbonio.

SCONTO A FONSECA – Dopo la doppia frattura allo zigomo, al bosniaco è stata consigliata cautela. Ma Edin vuole lottare. Ecco perché la sua convocazione per il match di domenica a Marassi non è da escludere. Non ci sarà invece Fonseca, squalificato. Il tecnico portoghese può però sorridere per lo sconto della pena, inizialmente di due giornate dopo il faccia a faccia animato con Massa. L’allenatore della Roma, ascoltato oggi dalla corte della Procura Federale, potrà tornare in panchina per il match con il Milanin programma il prossimo 27 settembre all’Olimpico.

STADIO – Arrivano notizie positive sul fronte stadio della Roma. Dopo due anni di attesa è arrivata sul tavolo dei proponenti la bozza di convenzione urbanistica prodotta dagli uffici del Comune. E’ il documento definitivo, un plico di 60 pagine dove sono affrontate tutte le tematiche che saranno propedeutiche all’apertura del cantiere. Il contratto, dopo una prima visione, è stato giudicato positivamente dai proponenti. Finalmente il sogno dei tifosi romanisti sembra poter vedere la luce.

JESUS“Dobbiamo lottare, l’unica razza che esiste è quella umana”. Juan Jesus non abbassa la testa di fronte ai razzisti e si conferma in prima fila nella lotta all’ignoranza. Il brasiliano ha parlato a Sky, spiegando il suo pensiero: “Credo che il calcio sia una vetrina importante. Il mondo intero si ferma per guardare le partite. Se possiamo fare qualcosa di più dobbiamo farlo, perché sono questioni in cui vengono coinvolti i nostri concittadini, le nostre famiglie e spesso le persone che non possono difendersi. Noi dobbiamo essere la loro voce”. Nel pomeriggio il difensore ha incontrato gli alunni dell’istituto Gramsci, sulla Laurentina, per l’iniziativa di Roma Cares A scuola di tifo”.

KLUIVERT  Justin è sempre più al centro nella Roma. Complice gli infortuni di Perotti, Mkhitaryan e Under, l’olandese è riuscito a ritagliarsi uno spazio importante. Sul suo profilo Instagram è tornato a parlare della scorsa stagione: “Non è stato facile, venivo dall’Olanda e vivevo con mia madre. Ora le cose stanno migliorando, mi sento meglio” le sue parole.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy