Dall’iPad di Luis Enrique al bunker di Fonseca: le nove estati caldissime della Roma americana

Dall’iPad di Luis Enrique al bunker di Fonseca: le nove estati caldissime della Roma americana

I gradoni di Zeman, le impennate umorali di Spalletti e il Rudi Garcia dai due volti, per finire con Di Francesco e Fonseca. Tutte le storie dai ritiri giallorossi della nuova proprietà

di Gianluca Viscogliosi

BUNKER LUSITANO

Ancora mancanza di risultati, niente coppe in bacheca e niente Champions – con introiti annessi – da giocare sul campo. Dell’entusiasmo e dell’apertura della prima Roma americana è rimasto solo il ricordo, come del presidente Pallotta, da più di un anno assente non giustificato dalla Capitale. Una società lontana fisicamente e ideologicamente, responsabile anche dell’addio definitivo e congiunto della coppia Totti-De Rossi. Una squadra blindata, rinchiusa tra le mura di Trigoria agli ordini di Fonseca e del suo staff quasi interamente portoghese. L’ennesimo nuovo metodo di lavoro per cercare la ripartenza estiva, e per provare a far diventare realtà quel sogno americano della primavera del 2011.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy