Alisson: “Penso solo al Mondiale. Alla Roma sono felice, a oggi non sono arrivate offerte”

Intervenendo in conferenza stampa dal ritiro del Brasile, il portiere giallorosso non si sbilancia sul futuro: “Il mio agente sta lavorando insieme al club per trovare la soluzione migliore sia per me che per la società romanista”

di Redazione, @forzaroma

Alisson torna a parlare. Al termine del primo allenamento del suo Brasile in Russia, il portiere della Roma è intervenuto in conferenza stampa da Sochi. Inevitabile una domanda sul suo futuro, in bilico tra Trigoria, Real Madrid, Liverpool e Chelsea. Ancora una volta, Alisson non si sbilancia più di tanto: “Siete ansiosi di conoscere il mio futuro, eh? (ride). Io penso solo ad allenarmi bene per il Mondiale, il mio agente sta lavorando insieme alla Roma per trovare la soluzione migliore sia per me che per il club giallorosso. Al di là di restare o meno, io penso solo al Mondiale. Poi vedrò il resto. Quanto influiscono sulla concentrazione le voci di mercato? Dipende molto dall’equilibrio emozionale di ognuno di noi, da come si reagisce alle voci. Qui abbiamo un po’ tutti una certa esperienza su questo. Io cerco di leggere poco e di chiedere meno. Ho un contratto con la Roma, sono molto felice di giocare in Italia per la stagione fatta, fino ad oggi non è arrivata nessuna offerta ufficiale. soprattutto sono molto felice di poter rappresentare il Brasile e vivere il mio sogno d’infanzia giocando per vincere la Coppa del Mondo“.

Nel corso della conferenza, il numero uno giallorosso si è soffermato anche sulla sua stagione: “Ho conquistato questo spazio in Nazionale con molta fatica e con l’aiuto dei compagni. Ho passato momenti dificili ma ho avuto pazienza. Alcune scelte sono state fatte gustamente, altre un po’ meno. Io però avevo fiducia in me e dovevo dare risposta alla fiducia di Tite e Taffarel nei miei confronti. La stagione fatta nella Roma ha dimostrato il mio potenziale, ma non voglio fermarmi. Ora c’è da dimostrare più di altre volte, cercando di conquistare questo titolo”.

Alisson può essere il miglior portiere del Mondiale? Il brasiliano risponde così: “Io penso sempre ai miei obiettivi personali, ma quello che conta di più è conquistare il titolo con il gruppo, alzare la Coppa e trnare in Brasile da campione. Il resto è secondario“.

Il numero uno della Roma è uno dei migliori portieri al mondo con la palla tra i piedi: “Il calcio è cresciuto molto e il portiere negli ultimi anni deve saper giocare molto con i piedi. Io già lo faccio molto con la Roma, aiutando la squadra nel cominciare l’azione. Cercherò di farlo bene anche in nazionale. Arriviamo al mondiale in un momento perfetto. Squadra di giovani ma che hanno già disputato competizioni importanti, tutti di alto livello e che hanno fatto bene in questa stagione. C’è tutto per fare bene in questo Mondiale“.
0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy