Si è chiuso il calciomercato: il riepilogo delle operazioni della Roma

I giallorossi hanno acquistato pochi calciatori, con Pedro fiore all’occhiello a zero. Tra le cessioni, Under e Kolarov le più importanti

di Francesco Iucca, @francescoiucca

Si è chiusa un’altra sessione di calciomercato per la Roma, atipica e particolare per tanti motivi. In primis per l’emergenza Covid che ha modificato gli scenari e le trattative per tutti i club del mondo, ma anche per l’assenza di un direttore sportivo. L’esperienza di Gianluca Petrachi si è infatti chiusa ufficialmente il 18 giugno scorso, con la sospensione comunicata in una nota dal club, dopo praticamente neanche un anno (il suo insediamento ufficiale c’era stato il 25 giugno 2019). Poi sono seguiti mesi e settimane molto intense per la Roma, con il cambio di proprietà che ha inevitabilmente rallentato le operazioni. Alla fine delle trattative si è occupato in primis Guido Fienga: un mercato fatto di tante cessioni di giorni di tensione per la telenovela infinita Milik-Dzeko, oltre a quella di Smalling.

GLI ACQUISTI DELLA SESSIONE ESTIVA

La Roma ha pensato più che altro a puntellare la rosa, sfoltendo e alleggerendo il monte ingaggi. Una sessione che, in entrata come in uscita, è stata fortemente condizionata dalla telenovela Milik-Dzeko. Il polacco alla fine non è riuscito a trovare l’accordo con i giallorossi e il Napoli, bloccando anche la partenza del bosniaco in direzione Juventus. Ecco tutti gli acquisti della Roma:

PEDRO

Fiore all’occhiello della sessione estiva della Roma è stato senza dubbio Pedro Rodriguez, arrivato da svincolato dal Chelsea. Un giocatore in grado di garantire qualità, esperienza e soprattutto mentalità vincente. Un acquisto subito dimostratosi azzeccato, soprattutto a zero, come ha dimostrato anche il gol vittoria di Udine.

MARASH KUMBULLA

Un altro acquisto di grande prospettiva è stato Marash Kumbulla, su cui c’erano da tempo anche Lazio e Inter, arrivato dall’Hellas Verona. L’albanese è stato il perno di una complessa operazione di calciomercato con gli scaligeri. Un affare a “titolo temporaneo,  fino  al  30  giugno  2022, dei diritti  alle  prestazioni  sportive del calciatore Marash Kumbulla, e per la cessione, a titolo temporaneo, fino al 30 giugno 2022, dei calciatori Mert Çetin, Matteo Cancellieri e Aboudramane Diaby. Il saldo netto complessivo di tali operazioni di prestito è negativo per l’AS Roma per 2 milioni di euro. Inoltre, tutti gli accordi sottoscritti prevedono l’obbligo di acquisizione a titolo definitivo dei rispettivi calciatori, condizionati al verificarsi di determinate situazioni sportive. L’impatto negativo per l’AS Roma, laddove si verificheranno tutte le condizioni previste, è pari a 13,5 milioni di euro. L’accordo relativo all’acquisto del calciatore Kumbulla prevede altresì un corrispettivo variabile, in favore dell’Hellas Verona, condizionato al raggiungimento di determinati obiettivi sportivi, stimato per circa 3,5 milioni di euro”.

HENRIKH MKHITARYAN

È un nuovo acquisto anche Mkhitaryan, che già lo scorso anno ha cambiato il volto della Roma. Una stagione fa arrivava a Trigoria in prestito oneroso per 3 milioni, poi i giallorossi sono riusciti a anche a trattenerlo. L’armeno ha infatti rescisso con l’Arsenal in modo da firmare, da svincolato, con la Roma anche grazie alla regia di Raiola. Un vero e proprio colpo.

CHRIS SMALLING

Dopo un lunghissimo tira e molla, Chris Smalling è tornato alla Roma. Dopo il giallo legato al deposito del contratto e a dei documenti mancanti, è arrivata l’ufficialità dell’inglese. I capitolini hanno annunciato i suo acquisto a titolo definitivo per 15 milioni di euro. Fonseca alla fine è stato accontentato, la difesa della Roma ha di nuovo il suo leader.

BORJA MAYORAL

Una delle grandi urgenze della Roma era quella dell’attaccante da affiancare a Edin Dzeko per permettere al bosniaco (o chi per lui) di rifiatare. Alla fine la scelta è ricaduta su Borja Mayoral, classe ’97 del Real Madrid desideroso di giocare con continuità. Per lui prestito biennale con diritto di riscatto, esercitabile fra un anno (a 15 milioni) o fra due (a 20).

LaPresse

LE CESSIONI DELLA SESSIONE ESTIVA

Oltre ai mancati riscatti e rinnovi di prestito, come Kalinic, Smalling e Zappacosta, la Roma ha incassato qualche milione anche dalle opzioni di riscatto esercitate per alcuni giocatori già in uscita. Come Defrel (Sassuolo per 12 milioni più bonus) e Gonalons (4 milioni). Queste tutte le cessioni effettuate in questa sessione estiva di calciomercato dalla Roma:

CENGIZ UNDER

Dopo essere stato molto vicino al Napoli, alla fine Under si è trasferito al Leicester. Il turco vestirà la maglia delle Foxes in prestito fino al 30 giugno 2021, con il diritto di riscatto che potrà essere attivato dal club inglese.

JUSTIN KLUIVERT

Ha salutato la Roma anche Justin Kluivert, che alla fine ha scelto il Lipsia. I tedeschi, dopo Schick, pescano di nuovo in casa giallorossa: l’olandese si è trasferito con la formula del prestito secco e proverà a rilanciarsi come l’attaccante ceco.

PATRIK SCHICK

Proprio Patrik Schick, che non è stato riscattato dal Lipsia nonostante la volontà di restare da parte del ceco. Alla fine l’ex Samp è rimasto in Bundesliga, ceduto al Bayer Leverkusen a titolo definitivo per 26,5 milioni di euro e il “10% del prezzo di cessione in eccesso rispetto al sopracitato corrispettivo fisso pagato per l’acquisto”.

ALEKSANDAR KOLAROV

Uno dei veterani della Roma ha lasciato Trigoria: Aleksandar Kolarov ha scelto di vestire la maglia dell’Inter. Il serbo si è trasferito in nerazzurro a titolo definitivo per 1,5 milioni più 0,5 di bonus.

DIEGO PEROTTI

La Roma ha detto addio nelle ultime ore di mercato anche a Diego Perotti, che dopo quattro anni e mezzo prova l’avventura in Turchia, al Fenerbahce, a titolo definitivo e gratuito.

ALESSANDRO FLORENZI

Poi una lunga serie di prestiti, con Alessandro Florenzi che – dopo il prestito al Valencia – è volato a Parigi. Ad aspettarlo il PSG, che lo ha prelevato in prestito con diritto di riscatto fino a giugno 2021.

LaPresse

WILLIAM BIANDA

Arrivato per circa 6 milioni di euro con Monchi, il giovane difensore – dopo l’esperienza con la Primavera giallorossa – è stato ceduto in Belgio. Lo Zulte Waregem lo ha acquisito in prestito con diritto di riscatto.

DANIEL FUZATO

Anche Daniel Fuzato ha lasciato Trigoria per fare esperienza: il giovane portiere brasiliano è andato in Portogallo, in prestito secco al Gil Vicente.

MERT CETIN

Arrivato per 3 milioni di euro dalla Turchia solo un anno fa, Mert Cetin non ha trovato spazio e allora per lui è cominciata una nuova esperienza. Il difensore classe ’97 è stato ceduto all’Hellas Verona con la formula del prestito con diritto di riscatto e controriscatto a favore della Roma.

ALESSIO RICCARDI

Stessa formula, in prestito per un anno con diritto di riscatto e controriscatto per la Roma, anche per Alessio Riccardi. Per il talento classe 2001, invece, il nuovo capitolo si chiama Pescara.

MIRKO ANTONUCCI

Reduce dall’esperienza non fortunata in Portogallo, Mirko Antonucci ha raggiunto Riccardi in Serie B. Per lui si sono aperte le porte della Salernitana, che lo ha prelevato in prestito secco.

ANTE CORIC

In prestito fino al 30 giugno 2021 anche Ante Coric: il centrocampista croato, dopo l’esperienza all’Almeria, farà esperienza agli olandesi del Venlo.

ROBIN OLSEN

Poco dopo lo scoccare della mezzanotte, poi, è arrivata anche l’ufficialità di Robin Olsen. Il rportiere svedese cercava rilancio, vuole trovarlo in prestito secco all’Everton.

 

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy