Quell’appello al Pallotta deluso: “Presidente, torna a Trigoria”

Quell’appello al Pallotta deluso: “Presidente, torna a Trigoria”

Il numero uno del club giallorosso è assente ormai da molto tempo nella capitale

di Redazione, @forzaroma

Istruzioni per l’uso: in una malinconica classifica dei problemi che affliggono la Roma in questo momento, ciò che vi proponiamo naviga decisamente agli ultimi posti. Però, se è vero – come diceva Walter Sabatini – che il club giallorosso ha tre centri di potere (Boston, Londra e Trigoria), di sicuro i dirigenti che reggono il forte in piazzale Dino Viola sono quelli che hanno più il polso della situazione ambientale. Come scrive La Gazzetta dello Sport, il destinatario, naturalmente, è James Pallotta, che manca da Roma dal maggio scorso quando, proprio come ogni tifoso romanista appassionato, rimase così indignato dall’arbitraggio avuto all’Olimpico nella semifinale contro il Liverpool da attaccare duramente l’Uefa. Da quel momento è passato quasi un anno. Un’assenza accettabile quando le cose vanno bene, ma lunghissima se invece il mondo va alla rovescia. Adesso alla Roma è periodo di vacche magrissime, e così torna il solito leit motiv, peraltro un po’ stucchevole, sul presidente “che non c’è mai” e che “pensa solo allo stadio”. E proprio per evitare i brontolii della pancia del tifo e dell’ambiente romano, la dirigenza sta consigliando a Pallotta di tornare a Roma e in qualche modo riprenderla per mano.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy