Di Francesco: “Vinto di testa”. E Pallotta gode: “Fantastici”

Il tecnico: “Siamo stati bravi ad accelerare al momento opportuno. Siamo venuti qui per vincere e rimanere attaccati alle squadre più importanti”

di Redazione, @forzaroma

La squadra di Di Francesco è pronta a lottare per lo scudetto. Non è un caso che, dagli Usa, il presidente Pallotta la giudichi “fantastica”. Ha ragione, e questo successo gli consente anche di prendersi una sorta di rivincita virtuale dopo il botta e risposta di qualche mese fa con l’a.d. rossonero Fassone. Ribadiamo: la Roma è potenzialmente da scudetto, e non lo dicono i numeri perché la Roma – con una partita da recuperare – è solo al 5° posto. Lo dice invece il successo col Milan, il 4° consecutivo contro i rossoneri: non era mai successo.

“L’esaltazione fa parte del calcio, ma io sono un martello – dice l’allenatore –. Abbiamo vinto più con la testa che con le gambe. Dovevamo rimanere in partita, perché poi il gol l’avremmo sicuramente trovato. Siamo stati bravi ad accelerare al momento opportuno. Siamo venuti qui per vincere e rimanere attaccati alle squadre più importanti”. Potendo, tra Juve e Napoli, chi toglierebbe di scena Di Francesco? “Non voglio dire il Napoli perché è il nostro prossimo avversario, ma lo penso. Certo, la Juve in questi anni è il gruppo che ha più continuità, ma la squadra di Sarri è una sinfonia, vorrei che la Roma crescesse fino a quel livello. Però bisognerebbe avere tempo per allenare e invece si gioca sempre. Di questo si è lamentato anche Sarri, che allena i suoi da tre anni, figuriamoci io che sono qui da poco. Comunque sono ottimista, visto che ci mancano ancora giocatori come Schick, Karsdorp, Emerson, Defrel (ieri per Strootman una contusione con ematoma al vasto mediale della coscia destra, ndr ), ma sta crescendo lo stesso”.

(M. Cecchini)

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy