Tor di Valle, i comitati ai tifosi: «Ecco perché diciamo no»

Insieme a diverse altre associazioni hanno scritto una lettera aperta per «spiegare» le ragioni per cui si oppongono all’attuale progetto dello stadio

di Redazione, @forzaroma

Il comitato “Difendiamo Tor di Valle dal cemento” insieme a diverse altre associazioni ha scritto una lettera aperta ai tifosi giallorossi per «spiegare» le ragioni per cui si oppongono all’attuale progetto dello stadio. Innanzitutto, scrivono le associazioni «l’impianto non è neanche il 20% delle costruzioni previste perché intorno ad esso sorgeranno un enorme business park e numerosi palazzi per uffici con tre grattacieli». Ancora sostengono le associazioni «proprietario dello stadio non sarà l’As Roma ma una società di James Pallotta» a cui sarà pagato «l’affitto dello stadio», come riporta Il Messaggero.

Tra le altre ragioni ci sono «il rischio idrogeologico» e il «collasso dellamobilità» perché l’intero piano edificatorio peserà «su un settore della città dove la mobilità è già al collasso: uffici e spazi commerciali, con 15/25mila lavoratori e utenti giornalieri, nonché 40/50mila spettatori in occasione delle partite costituisce un carico impossibile da sostenere».

1 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. fernandomattiacc_339 - 4 anni fa

    Prima domanda sorgeranno palazzi e uffici…e allora? quale è il problema? vi da fastidio se creano posti di lavoro vicino casa? dovremmo pagare lo stadio a Pallotta, e allora? ora non paghiamo l’olimpico? la viabilità, perché adesso andare all’olimpico è una passeggiata di salute? le vostre ragioni sono tutte c……e.

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy