Schick si affida al mental coach per tornare a credere in sé

L’attaccante ceco a Praga segue i consigli di Jan Mühlfeit, 22 anni alla Microsoft, abituato a tirare fuori da manager e sportivi “le potenzialità inespresse dell’individuo”

di Redazione, @forzaroma

C’è chi va (per Marcano c’è l’interessamento del Galatasaray, si continua a parlare con il Feyenoord per Karsdorp), c’è chi resta (Schick), scrive  Gianluca Lengua su Il Messaggero, e c’è chi potrebbe arrivare: Mancini dell’Atalanta per giugno.

Schick si è portato avanti rinunciando ai resort a cinque stelle per ricaricarsi a Praga affidandosi a un mental coach, Jan Mühlfeit, 22 anni alla Microsoft, abituato a tirare fuori da manager e sportivi “le potenzialità inespresse dell’individuo”.

Per la difesa, Monchi continua a monitorare Maidana del San Paolo (prestito), Kabak del Galatasaray, Nastasic e Rugani per l’acquisto a fine stagione. A centrocampo torna dimoda Ozyakup del Besiktas. Piace pure Berge del Genk, si valuta il prestito dello spagnolo Obiang.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy