Sanabria e Defrel, il budget di Monchi

Sanabria e Defrel, il budget di Monchi

Il ds può sfruttare la cessione delle due punte in prestito a Betis e Sampdoria per avere Mancini e prenotare Tonali

di Redazione, @forzaroma

Quindici luglio 2016: la Roma cede Sanabria al Betis Siviglia. Nell’accordo, che prevede il corrispettivo di 7,5 milioni di euro a favore dei giallorossi, c’è una postilla che ora potrebbe far sorridere Monchi e aprire scenari insperati di mercato, come riporta Stefano Carina su Il Messaggero. “In caso di futuro trasferimento del calciatore – si legge nella nota del club – il club spagnolo riconoscerà all’AS Roma un importo pari al 50% del valore del corrispettivo”. L’attaccante paraguaiano è diventato il primo obiettivo del Genoa, per sostituire Piatek.

Intanto l’Atalanta chiede insistentemente Defrel. In questo caso il discorso è leggermente più complicato, perché se è vero che il francese – dopo l’arrivo di Gabbiadini – spinge per andare via, la Sampdoria (che detiene il diritto di riscatto a 13 milioni) potrebbe cedere Caprari al Sassuolo, bloccando così l’operazione.

Qualora la Roma incassasse immediatamente parte dei soldi dalla cessione di Sanabria (dipende dalla formula dell’operazione: se si muove in prestito, le entrate sono rimandate), avrebbe poi margine per muoversi su Mancini. Monchi è costretto a prendere tempo, non avendo al momento la liquidità necessaria per impostare l’acquisto. Da tenere d’occhio anche il possibile passaggio di Marcucci al Brescia. Tonali è un altro obiettivo per l’estate del ds.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy