Sabatini chiede Juan Jesus e valuta anche l’idea Taider

Il Ds giallorosso tratta con l’Inter. La chiave è Ljajic destinato a lasciare Trigoria. Idea De Guzman, in uscita dal Napoli e Soriano dalla Samp

di Redazione, @forzaroma

Continua il lavoro di Walter Sabatini in quel di Milano. Come scrive oggi Il Messaggero ieri il DS giallorosso ha trascorso una giornata fitta di impegni. Ha pranzato con il presidente del Genoa, Preziosi con il quale ha parlato di Iturbe (ormai si aspetta l’ok dell’argentino) e visto nel pomeriggio l’agente Sabbag (per definire il trasferimento di Paredes all’Empoli), il procuratore Ramadani (sul tavolo la questione legata a Ljajic), l’agente Damiani e il ds dell’Inter Ausilio. Nonostante le reiterate smentite dei giorni scorsi, torna caldissima la pista Juan Jesus.

Oltre a lui, il ds giallorosso ha chiesto Guarin. Ma l’Inter resiste. Per il difensore brasiliano la società nerazzurra non accetta la formula del prestito offerta dal ds a meno che non coinvolga Ljajic.

Nel lungo colloquio è stata avanzata la possibilità di effettuare più di uno scambio tra i club: potrebbe rientrare anche Taider che prenderebbe il posto di Paredes.

Con Damiani si è parlato di De Guzman, in uscita dal Napoli. Il calciatore piace a Sabatini: può ricoprire il ruolo di interno in uno schieramento a tre e all’occorrenza anche di trequartista in un 4-2-3-1. Il problema è il solito: la Roma ha fatto sapere al procuratore che vuole/può muoversi solo con la formula del prestito con diritto di riscatto e De Laurentiis sembra difficile da convincere su queste basi.

L’arrivo di Kucka fa perdere ulteriori posizioni a Montolivo nel Milan. L’agente continua a proporlo a Sabatini. Perde posizioni la candidatura di Darder: il Malaga chiede 12 milioni. Qualche possibilità in più per il compagno Camacho.

Sabatini ha chiesto alla Samp informazioni su Soriano. Il club ligure si è dimostrato disponibile a prendere in prestito a gennaio Gerson.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy