Roma, quel rinnovo che cambia la rosa

La firma di Dzeko migliora un problema in attacco, ma Fonseca aspetta un rinforzo. I soldi per migliorare la squadra ci sono, mancano i vice El Shaarawy e Manolas

di Redazione, @forzaroma
Dejan Lovren Liverpool

Il rinnovo di Dzeko permette alla Roma di togliersi da un pericoloso triangolo d’interessi e rappresaglie, le garantisce inoltre di avere una maggiore liquidità per completare la rosa, scrive Stefano Carina su Il Messaggero.

Perché una cosa deve essere chiara: i rinnovi in serie di Zaniolo, Under e Dzeko (ora a breve si lavorerà per Pellegrini) sono operazioni che vanno applaudite e danno lustro al club. Ma non bastano a rendere la squadra più forte dello scorso anno.

Numericamente manca ancora il sostituto di El Shaarawy e l’acquisto di Cetin – anche se avesse ragione Petrachi nel ritenerlo già pronto per far parte della rosa dei centrali – non è sufficiente, insieme all’arrivo di Mancini e alle permanenze di Jesus e Fazio, per sopperire all’assenza di Manolas.

Serve un centrale di spessore, “esperto e veloce”, volendo utilizzare le parole di Fonseca. Che possa riaprirsi a sorpresa il canale per Alderwereild, scongelarsi la pista Lovren o andare in scena l’ennesimo colpo di scena con l’acquisto di Nkoulou (o Lyanco), poco importa. Fondamentale è che arrivi.

In difesa si sta lavorando all’uscita di Santon. A quel punto l’arrivo in prestito di Zappacosta dal Chelsea (più difficile, per costi, Hysaj) garantirebbe alla Roma di migliorare sugli esterni difensivi e all’occorrenza di poter alzare Florenzi nella linea dei trequartisti. Rischia invece di restare un sogno Almendra: servirebbe l’addio congiunto di Pastore, Gonalons (vicino al Rennes) e Coric. Ipotesi al momento remota.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy