Roma, Fonseca sbatte le ali

Roma, Fonseca sbatte le ali

Da Zaniolo a Mkhitaryan fino a Pastore: in attacco trequartisti puri e meno esterni

di Redazione, @forzaroma

Paulo Fonseca ha un compito su tutti, cioè trovare l’equilibrio di squadra, scrive Alessandro Angeloni su Il Messaggero.

Gli esterni alti non sono ali vere e proprie, ma calciatori con caratteristiche più da trequartisti. Ovvero, devono stazionare dentro il campo, tipo mezze ali alte, lasciando spazio agli esterni bassi di salire. Quindi: i due laterali devono giocare vicino al trequartista centrale e al centravanti, cercare la porta e inserirsi in area di rigore.

Ecco perché Zaniolo è perfettamente in grado di stare largo, così come Mkhitaryan oppure lo stesso Pastore, che in queste due partite è stato impiegato nella linea dei trequartisti, esterno sinistro e non centrale, oppure, quando sarà, Perotti. In questo modo – a differenza di quanto succedeva con Di Francesco – è più facile sfruttare le mezze punte e un po’ meno le ali.

Anche Under e Kluivert dovranno studiare e adattarsi, ma in futuro sarà più facile vedere Cengiz titolare che non Kluivert (a meno di casi di emergenza come in queste prime due partite). Nel giro dei trequartisti potrà entrare a far parte anche Dzeko, che in pratica lo fa già: in questo caso, il centravanti sarà/sarebbe Kalinic.

Immaginiamo un quartetto offensivo di quel tipo: Under, Zaniolo, Mkhitaryan e Dzeko. Oppure: Zaniolo, Pellegrini, Mkhitaryan. E ancora: Zaniolo (o Under), Mkhitaryan, Florenzi. E così via. Di soluzioni, là davanti ce ne sono. E’ chiaro che con Pellegrini spostato in avanti, nei due di centrocampo potrebbe trovare spazio Diawara al fianco di Veretout o Cristante.

 

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy