Pallotta mima il risultato: «Vinciamo tre a zero»

Il presidente è sbarcato a Madrid in compagnia di Zecca. Sul charter giallorosso non è salito, invece, Sabatini che, a quanto pare, continua a evitare Pallotta

di Redazione, @forzaroma

Pallotta, prima di lasciare Roma, sorride alla qualificazione. «Certo che ci credo». E mima con la mano “Vinciamo 3 a 0“. Da Ciampino vola a Madrid con il suo jet privato. E’ come sempre accompagnato dal braccio destro Zecca che, nel tardo pomeriggio, ha seguito la conferenza stampa di Spalletti, insieme con Zanzi (in mezzo a loro il dg Baldissoni). Sul charter giallorosso non è salito, invece, Sabatini che, a quanto pare, continua a evitare Pallotta. A rappresentare il ds, scrive Ugo Trani su “Il Messaggero“, il vice Massara e Tarantino.

Perotti non dimenticherà mai le minacce degli ultrà andalusi, in Italia si sente, invece, a casa. «Non ho segreti. La verità è che sono arrivato al Genoa e mi sono trovato alla grande. Soprattutto non ho avuto più infortuni. Stessa cosa anche a Roma: sono arrivato, mi hanno fatto giocare subito e sto finalmente bene. Devo migliorare, ho ancora abbastanza da dare, spero di farlo da giallorosso per tanti anni. Sono sempre stato bravo a fare gli assist, ma mi piacerebbe segnare più gol. Sono un attaccante, io». Reti da fare stasera contro il Real. «Ho tantissima fiducia. Credo che aver vinto sette partite di fila giocando bene e facendo molti di gol ci aiuterà. Sappiamo che servono almeno due gol. Non sarà facile. Ma in una partita di calcio tutto può succedere. Bisogna farne una nei primi cinque minuti».

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy