Monchi-Eusebio, patto low cost

Monchi-Eusebio, patto low cost

Ds e allenatore, oggi incontro per definire il futuro: tante idee e budget al minimo. Di Francesco aspetta un difensore e un centrocampista, ma prima c’è da vendere

di Redazione, @forzaroma

Oggi pomeriggio (14.45) la Roma riprende gli allenamenti. In mattinata, però, scrive Stefano Carina su Il MessaggeroMonchi – rientrato dalla Spagna – farà il punto della situazione sul mercato insieme ai suoi più stretti collaboratori e Di Francesco.

Prima di acquistare, almeno in difesa, si vuole cedere. Diverso il discorso per il centrocampo dove le condizioni di De Rossi (alle prese con una cisti al ginocchio alla quale si somma una lesione cartagilinea) inducono alla massima cautela. Di Francesco si aspetta un innesto in mediana. L’identikit è quello di un centrocampista duttile. La Roma ha quindi sondato il Bologna per Donsah e si è vista offrire Pulgar. Prima di Capodanno, un sondaggio per Meité (Torino) ha trovato il no del club granata che potrebbe forse cambiare idea con l’inserimento di Perotti, indicato da Mazzarri come prima scelta per l’assalto al traguardo europeo. Discorso che viene meno sul nascere, visto che l’argentino ha già fatto sapere (anche all’Atalanta) di non volersi muovere dalla Capitale. Da Empoli, invece, ogni discorso per Traoré e Bennacer sembra rimandato all’estate, anche se un tentativo per l’algerino sarà fatto (magari inserendo il prestito di Coric). In Premier si è freddata di colpo la pista legata a Dendoncker mentre rimane da valutare quella relativa a Badu.

In difesa, registrata la brusca frenata con il Feyenoord per il ritorno di Karsdorp in Olanda (divergenze dovute alle modalità del prestito) ogni discorso è rimandato alla partenza di Marcano. Che inizialmente sembrava avere un discreto mercato, fermo ad oggi ad un paio di sondaggi del Siviglia e del Galatasaray. Iago Maidana non convince Di Francesco.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy