“Lui ? la storia”

di finconsadmin

(Il Messaggero – U.Trani) ?Totti ? uno di noi. E un campione come lui vale sempre la pena aspettarlo?. Gigi Buffon sa bene di chi sta parlando. Il capitano si toglie gli occhiali scuri nell?Aula Magna di Coverciano e guarda la platea. Davanti gli passano le immagini dell?ultimo pallone che il suo amico Francesco gli ha scaraventato alle spalle la notte del 16 febbraio all?Olimpico, la decima rete in carriera subita dal capitano romanista che, alla faccia del gran bel rapporto con il portiere, lo ha scelto come vittima preferita. Il missile terra-aria per l?1 a 0. Un mese fa, con la stessa forza e l?identica precisione usate in Germania, nel pomeriggio dell?ultimo timbro azzurro di Totti, su rigore e ancora 1 a 0 pesantissimo, a Kaiserslautern, al Fritz Walter stadion contro l?Australia, il 22 giugno 2006, al quinto minuto di recupero degli ottavi del mondiale tedesco. Oggi come ieri, ? sempre lui. Decisivo.

 

IL GRADIMENTO DEL GRUPPO
Francesco, nell?estate di quel 2006, usc? dalla scena azzurra. Senza polemizzare con nessuno. Ma per tutelare le sue gambe e allungare la sua carriera nella Roma. Buffon chiarisce subito che nessuno, dopo l?addio di 6 anni e mezzo fa, si permetterebbe di sbarrare la strada al romanista se Prandelli decidesse, in extremis, di richiamarlo. Anzi molti dei giocatori che sono qui, compresi i giallorossi De Rossi e Osvaldo, sarebbero pronti a parlare con Totti per convincerlo a tornare. ?Lo spogliatoio sulle decisioni di un ct non deve dire niente, sono responsabilit? specifiche di chi guida il gruppo e pensa di fare il bene della squadra per una competizione?, avverte il portiere. Che, senza dirlo ufficialmente, a quanto pare gi? da tempo avrebbe provato a convincere Francesco: ?Sono discorsi personali e intimi. Quando ci incontriamo, parliamo di tante cose e lui sa quali…?.

 

IL PESO DEL CAMPIONE
Totti, al momento, non cambia idea. Proprio mentre Gigi lo convocava in diretta tv, Francesco dal Circolo Aniene lasciava a ?zero? le possibilit? attuali di un ricongiungimento per il prossimo mondiale. Ma Buffon non lascia cadere nel vuoto la promessa del ct: ?Nel caso specifico si parla di un ragazzo che ? ancora oggi un nazionale. Insieme abbiamo messo questa maglia gi? nell?Under 15, con molti noi ha condiviso questa avventura fin dall?inizio della carriera. Lui sar? sempre un mio compagno d?azzurro. La risposta di Prandelli ? stata intelligente. Finch? un giocatore come lui, con il suo talento, la sua classe e la sua caratura continua a giocare su livelli formidabili come quest?anno non gli si pu? precludere nulla. Perch? negare la nazionale a chi pu? fare la differenza e vincere le partite??. Insomma il ct ha fatto bene a tenere la porta aperta a Totti. Non si sa mai. ?Credo che sia un discorso molto logico conoscendo la persona. Francesco sta scrivendo la storia del calcio italiano e lo sta facendo con il presente e magari con il futuro prossimo?.

 

IL MOTIVO DELL?ADDIO
Gigi, per?, torna indietro. E prova a spiegare come mai Totti abbandon? la nazionale. ?Ogni sua decisione ? stata sempre frutto di riflessioni profonde. Nel 2006 pu? aver pensato che fosse il momento giusto per lasciare dopo aver vinto la cosa pi? bella per qualsiasi giocatore. Lui quel mondiale, tra l?altro, l?aveva affrontato dopo un gravissimo infortunio. Ha preferito dedicarsi un po? di pi? alla Roma, alla propria carriera e alla propria salute. Quando ? uscito dal nostro gruppo, aveva trent?anni, non era pi? tanto giovane, ma ora che sono passati sette anni e visto come sta un po? dispiace che non sia pi? qui con noi. O magari sta cos? bene proprio perch? ha fatto quella scelta e ha lavorato in un certo modo?.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy