La verit? di Andreazzoli: ?Mai pensato al terzo posto?

di finconsadmin

(Il Messaggero) Meriti al Palermo, questo s?. Ma Aurelio Andreazzoli non ha visto una Roma disarmante come ? sembrata a tanti. Certo, lasciare tre punti contro una squadra che era ultima in classifica e che non vinceva dal 24 novembre dello scorso anno non ? proprio il massimo della vita, non ? proprio il migliore biglietto da visita in vista del derby di luned? prossimo. Forse neanche il tecnico di Massa si aspettava la squadra di Sannino cos? in grande spolvero. ?Il Palermo ha sbagliato pochissimo?, sottolinea Andreazzoli nel post gara. ?La Roma non ? stata cos? precisa, ma non ha sottovalutato l’incontro, questo ? certo. Abbiamo avuto un’alta incidenza di errore e siamo stati penalizzati molto: il Palermo a fine primo tempo meritava il 2-0, ma noi non dovevamo chiudere con zero gol nel tabellino dei marcatori, perch? abbiamo avuto almeno cinque palle molto importanti da mettere dentro e non ci siamo riusciti, un paio con Marquinho, una con Florenzi, un?altra ancora con Totti. La differenza poi la fanno questi episodi. Ci? non toglie che sono stati pi? bravi loro nel primo tempo, noi nel secondo, ma era anche normale. Anche se nella ripresa, pur giocando meglio, abbiamo creato meno, questo mi ? dispiaciuto?.

 

 
CAMBI POCO INFLUENTI – ?Le sostituzioni, nella ripresa, hanno dato alla Roma una maggiore vitalit?, ma a conti fatti hanno portato poco come palle gol. ?Siamo migliorati sotto l’aspetto tecnico ed abbiamo ridotto qualcosa rispetto al Palermo, ma non in maniera decisiva, almeno per ci? che riguarda le azioni pericolose. Siamo stati penalizzati durante la prima frazione di gara, quando siamo stati meno precisi. Perch? Florenzi esterno e non Torosidis nel secondo tempo? Abbiamo variato sistema, ci siamo messi in maniera diversa con l’entrata di Osvaldo e Pjanic. Florenzi ha spesso dovuto chiudere le spalle a Lamela, ma era preventivato. Tornassi indietro rifarei lo stesso senza dubbio, altrimenti vorrebbe dire che non ci ho pensato minimamente. Contro il Parma abbiamo visto la stessa squadra (ma in difesa c?era Marquinhos in pi?, e non ? poco… ndi) e non vedo perch? se avevamo avuto riscontri importanti dovevamo cambiare. Stavolta siamo stati decisamente imprecisi sotto l’aspetto tecnico, loro molto precisi sotto porta e forse sono stati anche pi? aggressivi rispetto a noi. Quello che non mi ? piaciuto assolutamente ? stata la perdita di equilibrio. Poi siamo migliorati come squadra, abbiamo cambiato assetto, ma non ? bastato, perch? in definitiva siamo stati meno produttivi rispetto al primo tempo. Lamela meglio esterno o centrale? Erik pu? interpretare bene entrambe le posizioni. Nella mia idea c?era quella di fargli fare la differenza in campo, come aveva fatto altre volte. Quasi sempre, da quando lo conosco, partiva da una posizione esterna, quella che predilige?.

 

 
IL DERBY DELLA SPERANZA –?C?? solo da pensare alla Lazio ora. Quel che ? stato ? stato. Il derby diventa tutto. ?Ai miei ragazzi ho solo detto di lasciare alle spalle questa partita. Che comunque deve insegnarci qualcosa, bisogna prendere il lato positivo. Bisogna pensare alla prossima, alla sfida contro la Lazio: molto importante e sentita, importante per la classifica prima di tutto. Vogliamo disputarla al meglio. La sconfitta contro il Palermo, tutto sommato, mi sembra meritata, adesso bisogna solo voltare pagina, sperando che la prossima sia migliore. Il terzo posto? Noi non l?abbiamo mai preso in considerazione?.
A.A.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy