La Roma va in confusione

La Roma va in confusione

I giallorossi regalano un tempo anche al Milan. Fazio rimedia al gol di Kessié, ma nel recupero Nzonzi sbaglia e Cutrone segna

di Redazione, @forzaroma

Il 1° ko esterno del 2018 in campionato è dolorosissimo: il Milan vince all’ultimo respiro (2-1). Ma meritatamente, scrive Ugo Trani su Il Messaggero, sfruttando i secondi finali dei 5 minuti di recupero. La Roma cade, perseverando nell’errore: regala il 1° tempo, proprio come contro l’Atalanta, spaventata da se stessa più che dall’avversario.

Di Francesco, anche se con interpreti diversi, ripropone il sistema di gioco che, nella stagione passata, permise ai giallorossi di entrare tra i migliori 4 club d’Europa. A San Siro, dunque, si presenta con la difesa a 3 che umiliò, lo scorso 10 aprile, il Barcellona di Messi, Suarez e Iniesta all’Olimpico. Non andò bene, il 24 aprile ad Anfield. In campionato, invece, ha preferito fare altro, usandola raramente, se non in corsa: l’ultima volta, dall’inizio, per pareggiare nel derby del 15 aprile.

La condizione atletica di alcuni titolari, a cominciare da Fazio e Kolarov, e l’assenza del terzino destro titolare Florenzi che di conseguenza lo costringe a schierare, dopo 10 mesi, Karsdorp dal primo minuto portano il tecnico a schierare il 3-4-1-2, con Manolas centrale in mezzo a Fazio e al debuttante Marcano, Nzonzi accanto a De Rossi e Pastore dietro a Schick e Dzeko che si sacrifica più dei compagni di reparto.

Il pressing si vede solo all’alba del match, quando la Roma, alzando la linea difensiva, va aggredire il Milan. Dura, però, poco o niente. I giallorossi diventano presto timidi e passivi. Schick, di testa, fa l’unico tiro dei giallorossi nella prima parte. Centrale, però. Il Milan, invece, approfitta della gaffe che proprio non ti aspetti. Di reparto e dei singoli. Karsdorp perde la posizione, Fazio si allarga per chiudere su Rodriguez che però ne anticipa la chiusura e Marcano, sul cross, non chiude Kessié che piomba sul secondo palo e segna a porta vuota. Da non credere, anche perché il rasoterra di Rodriguez passa proprio davanti a Olsen. Il Milan ha la superiorità a centrocampo, con Biglia a far scudo, Kessié e Bonaventura a spingere e con Suso e Calhanoglu che lavorano bene sui lati. Di Francesco, non riuscendo a replicare sfruttando le fasce con Karsdorp e Kolarov, cambia dopo l’intervallo e passa al 4-2-3-1 con El Shaarawy per Marcano. La Roma adesso sta un po’ meglio in campo, anche se Schick sulla destra esce di scena. Fazio pareggia, destro nell’angolo. Il Var annulla un gol a Higuain che segna in fuorigioco e uno a Nzonzi che si aggiusta il pallone con il braccio sinistro prima di far centro. Al fotofinish il gol di Cutrone: si addormenta Nzonzi, fin lì il migliore, Higuain gli ruba palla e inventa l’assist.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy