La Roma è troppo buona

La Roma è troppo buona

Le statistiche del girone d’andata dicono che la squadra di Di Francesco è quella che fa meno contrasti: 13 a gara

di Redazione, @forzaroma

La Roma dei paradossi non finisce di stupire, scrive Stefano Carina su Il Messaggero. Trenta punti dopo il girone d’andata e nonostante tutto a – 2 dalla zona Champions. Era da 10 anni che i giallorossi non ottenevano un bottino così magro dopo 19 gare: l’ultima volta accadde con Spalletti nel 2008-09.

Quello che sorprende (e va quindi migliorato) rispetto ad un anno fa, è la metamorfosi della squadra in trasferta. Nelle prime 5 partite disputate lontano dall’Olimpico (non considerando quindi Sampdoria-Roma, recuperata a gennaio) della passata stagione, Di Francesco servì l’en-plein (Atalanta, Benevento, Milan, Torino e Fiorentina), rallentando soltanto nelle ultime due uscite (0-0 con il Chievo e 0-1 con la Juventus). Quest’anno invece, i giallorossi fanno maledettamente fatica. L’ultimo successo a Parma, alza un po’ la media che altrimenti sarebbe più deficitaria di quanto già non lo sia: appena 12 punti in 10 gare (1,2 di media). Fortuna vuole che il rendimento casalingo sia migliore: 18 punti in 9 partite (2).

Un doppio volto che si evidenzia ancor di più considerando alcuni dati. Quando gioca all’Olimpico, la Roma segna di media 2,67 reti (24): fuori, appena 1 (10). Ma non finisce qui: più tiri in totale (17,9 a 16,4), più conclusioni nello specchio (7,8 a 5,1) e anche una maggiore propensione al dribbling (9,3 a 7,2). Singolare anche il modo di attaccare leggermente diverso tra casa e trasferta: quando è all’Olimpico, la Roma predilige le vie centrali (70%) rispetto alle fasce (30%). In trasferta sale invece la percentuale delle corsie esterne (38,4%) a discapito degli inserimenti in mezzo, con una media di cross maggiore (26 a 21) rispetto alle partite casalinghe. Ulteriore anomalia: lontana da casa, la Roma non ha mai segnato in contropiede (6 le reti su azione manovrata e 4 su calcio piazzato), cosa avvenuta invece nella Capitale per due volte (alle quali si aggiungono 14 reti su manovra, 6 su calcio da fermo e 2 rigori). Chi pensava invece che il passaggio dal 4-3-3 al 4-2-3-1 con calciatori più dediti al palleggio (leggi Nzonzi e Cristante) alzasse la percentuale del possesso-palla, dovrà ricredersi: attualmente è del 55,23% (dietro Inter, Juventus, Napoli, Atalanta e Sassuolo). Lo scorso anno era superiore al 58%, seconda soltanto al Napoli di Sarri (64%).

La Roma è terzultima nei falli commessi (220, media 11.6 a gara) ed è la squadra che contrasta meno in serie A: appena 13 tackle a gara (247). Con questi numeri, non è da disdegnare la media dei palloni intercettati: sono 11,5 ogni 90 minuti, in linea con la Juventus (11,9).

Una cosa è certa: nonostante le difficoltà, la Roma dà la sensazione di essere la favorita per arrivare quarta. L’importante sarà non darlo per scontato. Anche perché di norma Di Francesco non è un tecnico che nei gironi di ritorno dà il meglio di sé. In serie A, è accaduto soltanto una volta: nel 2016-17, quando ai 18 punti dell’andata, sommò i 28 dopo il giro di boa. Altrimenti è avvenuto sempre il contrario: 40-37 lo scorso anno, 32-29 nel 2015-16, 25-24 nel 2014-15 e 17-17 nel 2013-14.

1 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. cpg35600 - 2 anni fa

    Tutte le statistiche ci danno perdenti per quanto attiene quel famigerato 4 posto. Dimostriamo, invece che, con il supporto del pubblico, la Roma – nonostante le cassandre – possa, attraverso l’impegno, fare un girone di ritorno degno della sua fama e del suo valore.

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy