Kolarov, la frattura con i tifosi sempre più insanabile

Kolarov, la frattura con i tifosi sempre più insanabile

Il terzino serbo ancora beccato dall’Olimpico con fischi e cori

di Redazione, @forzaroma

L’intervista l’avrei voluta fare io…”. Sono le parole di Aleksandar Kolarov, sussurrate con un sorriso ironico con lo sguardo rivolto a Mkhitaryan che parla con i giornalisti a fine partita, scrive Gianluca Lengua su Il Messaggero.

Chissà cosa avrebbe voluto dire il terzino sinistro ai tifosi della Sud, che dopo il quarto gol dellaRoma lo hanno fischiato e insultato. Una disputa che si è riaccesa dopo il litigio con la Tribuna Tevere avvenuto durante il match contro il Bologna del 7 febbraio scorso, perso dai giallorossi per 3-2.

Il coro non edificante che gli hanno riservato ieri gli ultras è lo stesso che cantavano quando il giocatore vestiva la maglia della Lazio. Non solo: mentre lo speaker pronunciava il suo nome in occasione del gol, sono partiti una serie fischiche si sonoconfusicon quelli dei tifosi del Lecce presenti in Distinti Nord.

La posizione dell’Olimpico, però, non è stata unanime perché in molti non hanno gradito il comportamento della Curva esternando il dissenso con gli applausi. Una frattura, quella tra Kolarov e la Sud, che farà fatica a ricomporsi,

Tutto questo potrebbe cambiare il futuro di Aleksandar, che nelle ultime settimane ha ricevuto una proposta dal Bologna di Sabatini e Mihajlovic, due ex di casa Lazio, come lui.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy