Furia Totti: “Vergona Var”

Furia Totti: “Vergona Var”

L’ex capitano spara a zero contro gli arbitri: “Rocchi ha sbagliato, ma Fabbri stava vedendo un’altra partita”

di Redazione, @forzaroma

La misura è colma. E non è un caso, che dopo l’ennesima svista del Var, la Roma decida di giocarsi a livello mediatico la carta Totti, scrive Stefano Carina su Il Messaggero.

C’è poco da vedere, anzi c’era tanto. Lo hanno visto tutti. Noi ci chiediamo come quelli del Var non riescano a vedere questo fallo. È una vergogna. Che ci stanno a fare? Abbiamo messo apposta la tecnologia per fatti di questo tipo. Facciamo riunioni ovunque, ma non mi sembra si rispetti poi quanto si dice. Mi sembra a questo punto anche inutile fare certe riunioni, visto quello che succede in campo” dice l’ex numero dieci a fine gara.

La discussione negli studi di Sky divampa. Francesco s’inserisce e infierisce. “Non sono duro, dico semplicemente la verità. Non stiamo cercando alibi e non vogliamo guardare nemmeno indietro. Parliamo di quanto accaduto nella partita contro l’Inter e converrete che è stato semplicemente vergognoso. Chi c’era al Var? Fabbri? Probabilmente stava vedendo un’altra partita. Ora noi ridiamo e scherziamo ma episodi del genere non possono capitare. Rocchi può aver sbagliato, io non me la prendo con lui. Può non aver visto, aveva diversi calciatori davanti ma quelli del Var saranno quattro o cinque. Ma cosa fanno? Uno che vede azione e replay dal divano, come fa a non avvertire Rocchi? Questa è la spiegazione che tutti cercano”.
Si calma soltanto quando gli chiedono un giudizio su Zaniolo: “Sembra un veterano, gioca con semplicità. Sta dimostrando il proprio valore, mano mano che riesce a trovare la continuità è esplosivo, ha forza e tecnica. Ha tutti i mezzi per diventare un grande giocatore ma parliamo piano perché poi se dovesse cambiare rotta non voglio questa responsabilità”.

Sulla Roma dice: “Fino ad oggi ci sono stati alti e bassi, non da grande squadra però siamo riusciti a conquistare gli ottavi di Champions e stiamo cercando di riacquisire la compattezza. Se sto contribuendo? Nello spogliatoio, rispetto agli altri dirigenti, riesco a capire qualcosa in più rispetto ma mi piace stare dietro le quinte, senza apparire. Cerco di aiutare i miei ex compagni, per cercare di tirare fuori il meglio da tutti». E sulla partita: «È stata una gara a viso aperto con due grandi squadre che si sono affrontate creando tantissimo e facendo 4 gol, rigori non dati, c’è stato di tutto. È stata una partita eccitante da vedere”.

 

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy