Di Francesco: “Troppi passi indietro, poca personalità”

Il tecnico: “Ci dobbiamo ritrovare, approfittare della sosta per riposare fisicamente ma soprattutto mentalmente. I giocatori più rappresentativi devono essere trainanti”

di Redazione, @forzaroma

“Siamo partiti bene, poi dopo il gol dell’Atalanta ci siamo disuniti, intimoriti, è mancata personalità. – dice Di Francesco nel post Roma-Atalanta – La palla scottava, c’era paura e questo non deve accadere quando si veste questa maglia. Non mi è piaciuta per niente la squadra nel primo tempo e per fare gol continuiamo a fare troppa fatica”. Non si nasconde il tecnico. La Roma, come scrive Stefano Carina su Il Messaggero, sembra essersi fermata al gol di Fazio al 94’ contro il Cagliari, ormai datato 16 dicembre. Da quel momento in poi, tre sconfitte e un pareggio che hanno determinato l’eliminazione dalla coppa Italia e l’attuale -12 dal Napoli: “Stiamo facendo passi indietro, anche a livello di personalità, dobbiamo fare tutti mea culpa. Ci dobbiamo ritrovare, approfittare della sosta per riposare fisicamente ma soprattutto mentalmente. I giocatori più rappresentativi devono essere trainanti”.

Inevitabile, dopo il ko di ieri, la domanda sull’esclusione di Nainggolan: “Se con Radja avremmo vinto? Non c’è la controprova. È stata fatta una scelta legata a una questione etica e morale. Ora sono scesi tutti dal carro ma a me sta bene, guardo avanti con entusiasmo sapendo che dalla prossima Radja ci darà sicuramente qualcosa in più”.

 

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy