Di Francesco felice ma non troppo: “Dobbiamo ancora crescere”

Il tecnico: “Dovevamo gestire meglio i due gol di vantaggio, ma ricordiamoci che la Roma non vinceva da tanto in Champions e ci sono sempre dei motivi: è una questione di abitudine”

di Redazione, @forzaroma

Con quattro vittorie di fila, la Roma sta per concludere questo mini ciclo di partite stanca e fisicamente non al meglio, come scrive Ugo Trani su Il Messaggero. Perotti e Defrel, caduti qui a Baku, salteranno la partita di domenica a San Siro con il Milan e si aggiungono a Karsdorp, Schick e Moreno, anche loro indisponibili per problemi muscolari.

Quando si vince non ci può essere rammarico. Dovevamo gestire meglio i due gol di vantaggio, ma ricordiamoci che la Roma non vinceva da tanto in Champions e ci sono sempre dei motivi: è una questione di abitudine. Si poteva vincere meglio, ma era importante portare a casa i punti, in altri match abbiamo giocato meglio, poi abbiamo perso”.

Di Francesco, ricordando il passato, guarda avanti, anche perché l’ultima vittoria in Champions prima di questa ormai è lontanissima, il 4 novembre del 2015 contro il Bayer Leverkusen (3-2): “La mentalità va costruita all’interno, nella passata stagione la Roma è uscita ai play-off, quest’anno invece stiamo giocando i gironi e abbiamo 4 punti. Peccato per Defrel. Ora non ho più né lui né Perotti”.

 

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy