De Rossi merita un futuro alla Totti

Il numero 16 giallorosso deve restare alla Roma anche una volta appesi gli scarpini al chiodo

di Redazione, @forzaroma

Daniele De Rossi non è Francesco Totti (chi lo è, del resto?). Ma, vista la sua storia nella Roma, meriterebbe un trattamento alla Totti, scrive Mimmo Ferretti su Il Messaggero.

Cioè, restare alla Roma anche una volta appesi gli scarpini al chiodo. Questione di fedeltà, di passione, di attaccamento alla maglia, per dirne alcune. Ora che si sta cominciando a parlare quasi a ritmo quotidiano del suo fine carriera, ora che si sta cominciando a capire se continuerà ancora a giocare con la Roma (ha il contratto in scadenza), ci piace immaginare che la società, in primis il presidente James Pallotta, abbia voglia di non farselo scappare, di tenerlo con sé anche quando non avrà più il fisico per fare il calciatore.

Ancora un anno di contratto in campo e poi altri X anni da “dirigente” della Roma, perché no? Esattamente quanto fatto dalla dirigenza statunitense con Totti. Per dare un immenso, ulteriore senso di continuità alla storia romanista.
La nostra è una semplice proposta che giriamo alla Roma convinti che De Rossi possa rappresentare, anche in futuro, un valore aggiunto per il club.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy