Caos Roma, salta anche Gasperini

Caos Roma, salta anche Gasperini

Il protagonista del miracolo-Atalanta incontra Percassi e si fa convincere a restare. Il club giallorosso sogna ancora Sarri e valuta in Italia uno tra Giampaolo e De Zerbi

di Redazione, @forzaroma

L’erede di Ranieri ancora non c’è. E, soprattutto, anche il 2° candidato interpellato esce di scena, scrive Ugo Trani su Il Messaggero. La Roma, dopo il no di Conte, incassa anche quello di Gasperini. Che, nel tardo pomeriggio, avvisa Petrachi: “Resto qui”, cioè a Bergamo.

Si valutano i vari profili, in Italia e all’estero, di tecnici liberi (e non). I manager e gli agenti Fifa vanno all’assalto della sede di via Tolstoj all’Eur. Il piano B non è pronto, proprio perché il club giallorosso non ha la certezza di poter individuare fin retta la guida ideale per l’ennesima rivoluzione. “Almeno in 5 sono in corsa”. Ma siamo alla fase della valutazione, senza però per forza dover ripartire da zero.

Nella lista presentata da Baldini a Pallotta, Sarri è sempre stato accanto a Conte, addirittura il preferito del consigliere esterno che lavora da Londra o Cape Town, così come Giampaolo è rimasto almeno sullo stesso piano di Gasperini. L’outsider, invece, è De Zerbi.

Baldini insisterà su Sarri ed è pronto a convincerlo. Petrachi, in attesa di essere ufficializzato, si è confrontato con Baldini che gli ha chiesto di muoversi su Giampaolo e De Zerbi. Più pronto l’attuale allenatore della Sampdoria, più intrigante quello del Sassuolo.

Gattuso, dopo il sondaggio fatto ad inizio 2019 dal vicepresidente Baldissoni, si è liberato solo ieri dal Milan e a quanto pare preferirebbe la Liga o la Premier alla serie A. Ma la Roma lo affascina e non da oggi.

I procuratori sono scatenati: c’è chi ha proposto Spalletti e chi si è giocato di nuovo la carta Mihajlovic. Dall’estero viene proposto Benitez che però è ormai fuori dal giro delle big. Come Blanc che non allena da 3 anni. Più sfizioso Fonseca.

 

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy