Primavera a metà

I baby della Roma non bastano ma con il Cska è sconfitta indolore

di Redazione, @forzaroma

Pioggia gelata, il minuto triste per Paolo Rossi e poi la sconfitta indolore col Cska Sofia con relativa mostra dei giovani scoperti da Bruno Conti che proprio con Pablito era legato da un rapporto speciale e che in questa città nel 1983 ottenne il pass per i quarti di Coppa Campioni grazie a un gol di Falcao.

Ieri sera in palio non c’era nulla visto che la Roma di Fonseca era già sicura del primo posto, scrive Francesco Balzani su Leggo, ma la posta era molto alta per alcuni ragazzi della Primavera. In primis per Tommasino Milanese che ha emozionato per il gol del momentaneo pareggio di giustezza e l’esultanza da Non ci posso credere.

Esordio assoluto pure per il portiere Boer e per il terzino Bamba che ha sostituito Calafiori colto da virus intestinale. Decisamente meno motivati i compagni più grandi che con la loro prestazioni hanno reso amara una trasferta che di certo non passerà alla storia. Proprio da tre errori madornali di Peres, Diawara e Fazio nascono i gol di Tiago e Sowe che marchiano il risultato sul 3-1 per la gioia del modesto Cska Sofia. Una mancanza di concentrazione incomprensibile per giocatori che dovrebbero fare di tutto per riprendersi una maglia da titolare. Fonseca: “Non mi sono piaciute tante cose, ma Milanese e Bamba sono andati bene“.

Ora il tecnico – che ha recuperato Smalling e aspetta Veretout – deve preparare la delicata trasferta di Bologna e attendere da testa di serie il sorteggio dei sedicesimi di lunedì a Nyon così come Milan e Napoli (ieri 1-1 con la Real Sociedad) che completano il pacchetto di italiane in Europa. Ha iniziato a lavorare sul mercato intanto Tiago Pinto che potrebbe portare da Lisbona il centrocampista Weigl ormai ai margini col Benfica. In quel caso partirebbe proprio il deludente Diawara.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy