Pallotta a 360°: “Resterò a lungo e alla fine vincerò”

Pallotta a 360°: “Resterò a lungo e alla fine vincerò”

Il presidente: “Se guardo indietro a questi primi anni, alzo le mani e ammetto di aver commesso degli errori, ma penso che in alcune aree siamo riusciti anche a superare le aspettative”

di Redazione, @forzaroma

Resto qui per molto tempo, e ora voglio vincere”. Pallotta torna a parlare e lo fa a 360° al sito del club parlando di errori del passato e di speranze per il futuro: “Se guardo indietro a questi primi anni, alzo le mani e ammetto di aver commesso degli errori, ma penso che in alcune aree siamo riusciti anche a superare le aspettative. Quello che più mi ha innervosito sono i ritardi nel progetto stadio. Pensavamo che oggi ci saremmo trovati molto più vicini all’apertura. Ci sarà sempre qualcuno che sosterrà come siamo interessati solo a vendere i giocatori per fare soldi e io dico che non mi è entrato un centesimo in tasca dai trasferimenti”.

Sulle contestazioni: “Degli striscioni oggi non me ne frega nulla. Dite quello che volete su di me, ma supportate i calciatori. Lasciare? Non ci ho mai pensato. Faccio 61 anni fra due settimane e questo progetto mi esalta ancora. Quando forse ne avrò 75 non starò più qui a guidare questo club, ma questo non è un progetto a breve termine per me. A volte sono depresso e frustrato perché odio perdere. Più di ogni altra cosa. In me c’è una natura competitiva. So che alcune squadre hanno a disposizione un budget due o tre volte più grande del nostro, ma non riuscire a competere sempre e a certi livelli mi disturba comunque. Sul campo oggi siamo tra le prime 20 d’Europa, ma in alcune aree fuori dal campo penso che siamo tra i primi 10. Ovviamente non possiamo diventare un top club senza lo stadio”.

Una parola (stadio) che ricorre in quasi tutte le risposte. Infine un pensiero su derby e Porto: “Queste sono partite che si attendono con ansia, c’è molto in palio. Non chiedermi un pronostico, ma se giochiamo come sappiamo fare, saremo in grado ottenere i risultati di cui abbiamo bisogno”.

(F. Balzani)

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy