“Luis? Se restava noi tutti contenti. Montella è da Roma, non fa preferenze”

di Redazione, @forzaroma

(repubblica.it – M.Pinci) Francesco Totti e Luis Enrique. Un rapporto che ha stentato decollare, ma che alla fine si è cementato.

Il capitano era tra i commensali del pranzo d’addio del tecnico spagnolo: “Ho sempre detto che se fosse rimasto noi tutti saremmo stati contenti. Ha preso questa decisione, rispettabilissima e dobbiamo cambiare. L’umanità ed il rapporto con tutti i giocatori è stato il maggiore insegnamento di Luis. E questa è la cosa più grande che un allenatore possa portare in una squadra così importante”.

Daniele De Rossi ha invitato la proprietà americana a investire: “Io sono anni che lo dico ma mi dite sempre che sono matto…”. La stagione appena terminata può considerarsi fallimentare: “Adesso penso alle vacanze, purtroppo è andata cosi’. Ricominceremo una nuova avventura sperando di fare molto bene”. Il dopo Luis Enrique sembra essere Vincenzo Montella, sul quale Totti è chiaro: “Nei quattro mesi che è stato qui ha già dimostrato di essere un allenatore da Roma. Non guarda in faccia a nessuno, appena è arrivato mi ha messo fuori… Lo conosco, ha un bel carattere”. Una battuta, infine, sul pranzo: “Chi pagherà stavolta il conto? Gli americani…”.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy